ECA FPF nuova Champions
Aleksander Ceferin e Nasser Al-Khelaifi(foto Eca)

L’European Club Association (ECA) si è riunita a Istanbul per la sua 28esima assemblea generale. Il presidente dell’associazione Nasser Al-Khelaifi – noto per essere il numero uno del Paris Saint-Germain – è stato protagonista di un lungo discorso, durante il quale ha ricordato la forza dei rapporti con la UEFA, confermando il proprio appoggio alle nuove regole di controllo dei costi che andranno a sostituire il Fair Play Finanziario come lo abbiamo conosciuto finora.

«La nostra prima priorità è garantire la stabilità finanziaria all’interno del calcio europeo. Il previsto Recovery Fund è fondamentale per i nostri club. Il Covid ha colpito tutti noi. Club di tutte le dimensioni. Ho parlato con il presidente Ceferin delle risorse da mettere a disposizione. Ha promesso che troveremo una soluzione insieme», ha detto Al-Khelaifi.

«Le nuove regole di sostenibilità finanziaria sono uno sviluppo positivo. Le regole controllano i costi. Incoraggiano gli investimenti e nuovi investitori. Aiuteranno a garantire la sostenibilità del calcio», ha aggiunto ancora il numero uno dell’ECA e del club parigino.

A proposito dei rapporti con la UEFA, Al-Khelaifi ha ricordato che la Joint Venture con la Federcalcio europea «è lo sviluppo più importante del calcio europeo degli ultimi tempi. Si fonda su un rapporto di fiducia e su un esempio di riforma progressiva. Come ho detto un anno fa, i club che costruivano un rapporto più forte con la UEFA erano fondamentali».

«La nostra Joint Venture è un grande successo e oggi sono lieto di annunciare che la UEFA e l’ECA hanno firmato una lettera di intenti per stipulare un nuovo MOU (Memorandum of Understanding, ndr) fino al 2030. Questa lettera di intenti renderà la nostra partnership ancora più forte: abbiamo ricostruito e formato una partnership di pari. I club sono più coinvolti. I club hanno una voce maggiore. Il nostro valore commerciale è cresciuto. Grazie al Presidente Ceferin», ha aggiunto.

Lo stesso discorso vale per il format delle coppe europee a partire dal 2024: «L’ECA ha anche lavorato a stretto contatto con la UEFA sul nuovo formato e accesso alle competizioni maschili post-2024. Ci saranno partite più emozionanti. Le gare saranno più inclusive. I nostri ricavi cresceranno. Lo abbiamo già visto in Francia e nel Regno Unito. E negli Stati Uniti la nostra crescita supera il 150%, con i diritti in lingua spagnola ancora da vendere. Abbiamo in programma di lavorare con Paramount+ e tutti i nostri altri media partner e titolari dei diritti su come raggiungere un nuovo pubblico, essere innovativi e rimanere pertinenti».

«È fantastico sapere anche che più club sperimenteranno la magia delle competizioni europee. Abbiamo visto la passione dei tifosi dell’Eintracht Francoforte e della Roma quando a maggio hanno vinto l’Europa League e l’Europa Conference League. È stato stupefacente», ha sottolineato.

«La distribuzione delle entrate è il prossimo argomento importante per il calcio europeo. L’ECA ha sempre promesso di mettere gli interessi collettivi al di sopra degli interessi individuali per proteggere i nostri club e l’ECA. La distribuzione deve essere equa. Vogliamo che tutte le competizioni maschili e femminili crescano. E tutti nel calcio europeo dovrebbero fare di più per avvantaggiare l’intero gioco», ha concluso.

SCOPRI SKYGLASS, MOLTO PIU’ DI UNA TV. A PARTIRE DA 11,90 EURO AL MESE: CLICCA QUI PER TUTTI I DETTAGLI

PrecedenteIl basket riparte su Eleven Sports con il Trofeo d’Abruzzo
SuccessivoNations League, dal Belgio alla Spagna: il valore dei campioni coinvolti