Nations League, dal Belgio alla Spagna: il valore dei campioni coinvolti

L’attuale pausa internazionale vedrà il culmine della fase a gironi della UEFA Nations League, il che significa che le promozioni, le retrocessioni e il passaggio alla fase finale…

Nations League

L’attuale pausa internazionale vedrà il culmine della fase a gironi della UEFA Nations League, il che significa che le promozioni, le retrocessioni e il passaggio alla fase finale del torneo in programma per la prossima estate, saranno decise in questi giorni di calcio internazionale. Le squadre coinvolte in questa competizione europea sono varie, tra tutte spiccano le nazionali di maggiore prestigio come Belgio, Francia, Germania, Inghilterra, Italia e Spagna. In ognuna di queste straordinarie compagini sono diversi i talenti a brillare di luce propria tanto che, in alcuni casi, le loro singole prestazioni, illuminano di riflesso anche quelle del collettivo. La migliore nazionale verrà decretata dagli esiti del torneo UEFA ma ad oggi, qual è la rosa con il valore economico maggiore? Andiamo a scoprirlo.

Il Belgio: i Red Devils dei Paesi Bassi

Il Belgio, reduce dalla vittoria per 2-1 ottenuta ai danni del Galles, si trova al secondo posto del gruppo 4 della Lega A, a 3 punti dalla capolista Olanda. I Belgian Red Devils, hanno una rosa straordinaria che negli ultimi anni ha portato alla luce giocatori di un talento fuori dal comune, forse la nazionale dei Paesi Bassi si trova ad avere la migliore generazione di calciatori della propria storia. In termini di valore, economico ma non solo, il Belgio può affidarsi al suo diamante più lucente, la stella del Manchester City De Bruyne valutato circa 85 milioni di euro. Insieme a lui, un altro punto cardine dei Diavoli Rossi, è l’estremo difensore del Real Madrid Courtois dal valore di 60 milioni, con lui il talentuoso centrocampista Tielemans (45 milioni) del Leicester City, l’esterno Carrasco (40 milioni) dell’Atletico Madrid, il giovane De Ketelaere (30 milioni) in forza al Milan e il roccioso mediano dell‘Everton Onana (30 milioni), rappresentano gli asset di maggiore importanza della rosa belga il cui valore in totale ammonta a 561,50 milioni di euro.

La Francia: la rosa più forte sulla carta

La Francia viene dalla vittoria conquistata in casa contro l’Austria con il risultato di 2-0 ma nonostante ciò si trova al terzo posto nel gruppo 1 della Lega A della UEFA Nations League, complici le brutte gare disputate nella scorsa finestra del torneo. I Bleus hanno la rosa più forte sulla carta e possono contare su quello che al momento è da molti considerato il giocatore migliore del mondo: l’enfant prodige Kylian Mbappe valutato la bellezza di 160 milioni di euro, cifra da capogiro che gli fa guadagnare il primato come calciatore più costoso della competizione. Con l’attaccante del PSG, si ergono sul podio il centrocampista offensivo del Lipsia Nkunku dal valore di 80 milioni, il difensore centrale Koundedel Barcellona e il nuovo centrocampista del Real Madrid Tchouameni i cui prezzi dei cartellini sono di ben 60 milioni di euro. Ad aggiungersi alla lista degli esosi calciatori francesi ci sono: Camavinga (55 milioni), Varane (48 milioni), Mendy (40 milioni), Upamecano (40 milioni), Saliba (40 milioni); senza dimenticarsi di campioni come Griezmann (35 milioni), l’infortunato Maignan (35 milioni), Dembele (30 milioni) e Pavard (30 milioni). Insomma gli uomini della Francia fanno davvero paura ed il valore totale della rosa si aggira intorno alla mostruosa cifra di 846,00 milioni di euro.

La Germania: i tedeschi alle prese con una rifondazione

La Germania, in attesa della gara che andrà in scena stasera, venerdì 23 settembre alle ore 20.45, nello scontro diretto contro l‘Ungheria, si trova al secondo posto del gruppo 3 della Lega A di UEFA Nations League, esattamente ad un punto dagli ungheresi. La squadra tedesca, dopo i brutti risultati degli ultimi anni, sta attuando una rifondazione e le nuove leve della nazionale sembrano essere una certezza a cui aggrapparsi. I giocatori dal valore più alto, almeno nel caso della Germania, sono i punti di riferimento. Il mediano tuttofare del Bayern Monaco Kimmich è valutato 80 milioni di euro, stesso prezzo del compagno di squadra Musiala e i due, insieme al centrocampista offensivo del Chelsea Havertz dal costo di 70 milioni e con le due ali del club di Monaco di baviera Gnabry (65 milioni) e Sane (60 milioni), sono i calciatori più costosi in assoluto della rosa. Non possono non essere menzionati anche: Rudiger (40 milioni) del Real Madrid, Sule e Schlotterbeck entrambi in forza al Borussia Dortmund (valutati rispettivamente 35 e 33 milioni di euro) e il portiere del Barcellona ter Stegen (30 milioni). La Germania ha dunque ottimi elementi da cui ripartire per una rosa che complessivamente vale 752,50 milioni di euro.

L’Inghilterra: giovani alla riscossa

L’Inghilterra è ultima nel gruppo 3 della Lega A della UEFA Nations League e stasera, venerdì 23 settembre alle ore 20.45, sfiderà l’Italia per capire se una delle due compagini riuscirà a superare il girone dove, come detto in precedenza, Ungheria e Germania occupano rispettivamente primo e secondo posto. La rosa a disposizione di Southgate è a dir poco incredibile, caratterizzata da giovani in rampa di lancio ma già con grande esperienza in Premier League. A partire dal capitano della nazionale inglese e del Tottenham Harry Kane, il cui costo è di 90 milioni di euro, i calciatori dei Tre Leoni sono tra i più esosi in assoluto nel mondo. Dopo l’uragano di Londra, Foden del Manchester City, guida la classifica insieme dall’emergente perla del Borussia Dortmund Bellingham, questi due scintillanti talenti sono valutati la bellezza di 90 milioni. A seguire troviamo il terzino del Liverpool Arnold e il mediano del West Ham Rice, entrambi dal valore di 80 milioni. Impossibile non nominare Mount (75 milioni) e Sterling (70 milioni) ambedue in forza al Chelsea oGrealish (70 milioni) del Manchester City e Saka (70 milioni) dell’Arsenal. Senza aver nominato tanti altri giovani prodigi inglesi, rifacciamoci gli occhi davanti alla sbalorditiva cifra di 1,35 miliardi di euro, valore economico totale della rosa dell’Inghilterra.

L’Italia: gli Azzurri chiamati alla missione riscatto

L‘Italia, come detto in precedenza, fa parte del gruppo 3 della Lega A della UEFA Nations League e stasera, venerdì 23 settembre alle ore 20.45, si giocherà l’eventuale possibilità del passaggio al turno successivo con l’Inghilterra. La squadra di Mancini deve riscattarsi dalla delusione arrivata dopo la mancata qualificazione al prossimo Mondiale in Qatar e per farlo sta passando attraverso una fase di sperimentazione. La rosa italiana non è tra le più costose, spiccano Barella eBastoni dell’Inter con un prezzo del cartellino rispettivamente di 70 e 60 milioni di euro, a seguire ci sono Donnarummadel PSG e Tonali del Milan i cui valori sono per entrambi di 50 milioni. Altri calciatori importanti sono indubbiamente Jorginho in forza al Chelsea che vale 40 milioni, Scamacca del West Ham valutato 30 milioni, e Raspadori del Napolicon un valore di 28 milioni di euro. L’Italia, nella vittoria di Euro 2020, ha colmato il fatto di non avere i campioni delle altre nazionali avvalendosi dello sviluppo di un ottimo gioco collettivo, Mancini dovrà essere bravo a ricreare quella magia visto che, in termini economici, gli Azzurri con un valore totale della rosa di 569,30 milioni di euro, non possono competere con le compagini avversarie.

La Spagna: le furie rosse pronte a scatenarsi

La Spagna, prima nel proprio girone, scenderà in campo contro la Svizzera domani sabato 24 settembre alle ore 20.45, in occasione della quinta giornata del gruppo B della Lega A della UEFA Nations League. Le Furie Rosse, come da tradizione, hanno giocatori di una qualità inaudita e fanno della tecnica la loro forza, ancor più sotto la guida di Luis Enrique, uno dei profeti del Tiki Taka blaugrana. La rosa spagnola è eccezionale e molto giovane, su tutti i talenti svetta Pedri del Barcellona valutato 90 milioni di euro, a seguire ci sono Rodri del Manchester City il cui cartellino ammonta a 80 milioni e Gavi sempre di proprietà del Barca che vale ben 70 milioni. La maggior parte dei calciatori della nazionale spagnola militano in Liga dove il calcio è veloce e tecnico e questo è di aiuto per la loro intesa. Giocatori come Pau Torres (50 milioni) del Villareal, Llorente (40 milioni) dell’Atletico Madrid, Pino (40 milioni) del Villareal Soler (40 milioni) del PSG, Torres (40 milioni) del Manchester City e Asensio (35 milioni) del Real Madrid, sono solo alcuni dei nomi che arricchiscono la squadra della Spagna che nella sua totalità raggiunge un valore di 805,00 milioni di euro.