DAZN problemi spagna
(Foto: Gabriele Maltinti/Getty Images, via Onefootball)

Non soltanto l’Italia e la trasmissione delle gare di Serie A. I problemi di DAZN al via della stagione sono stati registrati anche al debutto nella Liga spagnola. La piattaforma di sport in streaming è crollata al momento di mandare in onda il match Barcellona-Rayo Vallecano, che si è disputato sabato 13 agosto.

Una situazione che ha lasciato gran parte degli abbonati alla piattaforma nell’impossibilità di seguire la partita, colpendo anche gli utenti di Movistar Plus+ e Orange, le due emittenti che nei mesi scorsi sono giunte a un accordo proprio con DAZN per poter trasmettere le cinque partite a turno di cui la piattaforma di sport in streaming detiene i diritti.

La condizione per accedere a queste partite è che l’utente, sia che abbia un contratto diretto con DAZN sia che sia abbonato agli operatori, crei un account sulla piattaforma e acceda alla partita tramite l’app. Ma a causa della valanga di richieste, il server DAZN è andato in crash e gli abbonati non hanno potuto vedere la sfida degli uomini di Xavi, neanche parzialmente.

Per risolvere la situazione, DAZN non ha avuto altra scelta che concedere direttamente il segnale sia a Movistar Plus+ che a Orange e dare la sua autorizzazione affinché le restanti partite della prima giornata per le quali deteneva i diritti potessero essere seguite direttamente dai canali degli altri broadcaster, senza la necessità di creare un account DAZN.

Da parte sua, DAZN ha ammesso i problemi, ma ha fatto notare che si tratta di una soluzione temporanea fino a quando non sarà risolto l’incidente tecnico. Fonti delle altre emittenti – scrive El Pais – non escludono che a DAZN venga richiesto un risarcimento per i danni causati ai propri abbonati, secondo le condizioni del contratto di cessione dei diritti.

TUTTA LA SERIE A TIM È SOLO SU DAZN: 7 PARTITE IN ESCLUSIVA E 3 IN CO-ESCLUSIVA A GIORNATA. ATTIVA ORA. DISDICI QUANDO VUOI

PrecedenteIl Bayern rinnova con Deutsche Telekom per 50 mln all’anno
SuccessivoPerché il Chelsea non si preoccupa del FPF