calendario Juventus Serie A 2022-2023
Massimiliano Allegri (Photo Andrea Staccioli / Insidefoto)

L’inizio della prossima stagione di campionato di Serie A Tim è sempre più vicino, e nell’attesa del calcio di inizio, DAZN racconta ai tifosi il dietro le quinte dei raduni delle squadre con il nuovo format “INSIDE”. L’episodio dedicato alla Vecchia Signora è disponibile in piattaforma da oggi, sabato 23 luglio.

Allenamenti, interviste esclusive ai protagonisti delle stagioni passate e ai nuovi arrivati, a condurre gli speciali saranno Diletta LeottaGiorgia RossiPierluigi Pardo e Marco Cattaneo, con il supporto e i contributi degli altri volti di DAZN. Inside racconterà nei mesi estivi i ritiri delle squadre di Serie A TIM, arricchendo così l’offerta on demand della piattaforma di streaming.

Questo episodio di INSIDE racconta un giorno alla Continassa durante il ritiro della Juventus, che prima di partire per la tournée statunitense, ha svolto qui la prima parte di preparazione estiva. In questa cornice, Marco Cattaneo ha intervistato l’allenatore Massimiliano Allegri, il figliol prodigo Paul Pogba e il centrocampista Manuel Locatelli.

Di seguito alcune delle dichiarazioni rilasciate durante l’episodio di INSIDE Juventus.

Pogba sul ritorno a Torino: “È la gente ad avermi riportato qui. Posso giocare sia a sinistra sia a destra ma mi piace di più a sinistra per rientrare e calciare. Speriamo di fare altri gol belli. Do soprannomi a tutti: Vlahovic è Dudù, Locatelli è Masterclass, McKennie è Dennis Rodman. La gente pensa sia facile vincere uno scudetto ma è difficile e più ne vinci più e complesso. Noi dobbiamo ritrovare la fame dell’inizio e poi sempre di più”.

Allegri sul prossimo campionato: “La differenza della Juve di quest’anno sarà negli obiettivi. Dobbiamo tornare a vincere. L’anno scorso abbiamo fatto bene in difesa ma ci sono mancati i gol, siamo stati l’undicesimo attacco e questi numeri non sono assolutamente sufficienti per vincere. Pogba l’ho trovato maturato nella persona ma calcisticamente uguale. Speriamo che Vlahovic faccia 30 gol ma che non diventi capocannoniere: perché, negli ultimi 12 anni, chi ha vinto il campionato non aveva il capocannoniere. L’Inter è ancora la favorita. Il Milan ha fatto un campionato straordinario – per loro sarà un buon test perché ripetersi è sempre difficile. Bremer? La dirigenza sta lavorando benissimo sul mercato.

Locatelli sui compagni di squadra: “La differenza tra un campione e uno bravo la vedi in Di Maria: si è presentato da noi con un’umiltà incredibile. Pogba è un talento naturale: ci aiuterà e noi dobbiamo risollevarlo. In ritiro, in camera, chiamo mia moglie (dire “moglie” mi fa sentire maturo) e i miei genitori. Per me la famiglia e gli amici sono tutto: vorrei vivere con tutti loro in una casa enorme ma è utopia. Quando torno a casa vado ancora a giocare al campetto. Guardo un sacco di calcio e un po’ di serie tv, la mia preferita è Prison Break”.

GUARDA INSIDE JUVENTUS SU DAZN: ABBONATI ORA

PrecedenteKoulibaly out, arriva Kim: l’impatto sui conti del Napoli
Successivo[FOOTBALL AFFAIRS] Roma, stadio e delisting sono colpi. Ma il difficile arriva ora