JP Morgan partecipazione Saras
Massimo Moratti (Foto Giuseppe Celeste / Insidefoto)

Un difetto di notifica alla parte offesa ha fatto slittare al prossimo 6 ottobre l’apertura dell’udienza preliminare, davanti al Gup di Cagliari, che dovrà decidere sul rinvio a giudizio chiesto dal procuratore aggiunto Guido Pani e dal pm Danilo Tronci al termine dell’indagine della Direzione distrettuale antimafia di Cagliari sul presunto riciclaggio da parte della Saras, società presieduta dall’ex presidente dell’Inter Massimo Moratti, a seguito dell’acquisto di grezzo di origine curda nel 2016.

Stralciata già prima della chiusura delle indagini la parte d’indagine che ipotizzava l’acquisto di petrolio dell’Isis: su questo la Procura ha chiesto delle rogatorie internazionali e proseguono gli accertamenti.

Nel fascicolo approdato davanti al Gup Giorgio Altieri sono otto gli indagati, più due società. Tra questi spiccano, oltre a Saras, il manager Dario Scaffardi e la Petracco. Il collegio difensivo è formato dagli avvocati Alfredo Diana, Francesco Mucciarelli, Alessandro Boni, Luigi Fornari, Franco Balsamo, Carlo Sassi, Francesco Centonze e Matteo Buzzone.

Da Saras hanno ribadito “la piena estraneità della società e dei dirigenti coinvolti a qualunque condotta illecita, e la piena fiducia nell’operato dell’autorità giudiziaria”.

SCOPRI L’OFFERTA DI SKY SMART: SKY TV E SKY SPORT A 30,90 EURO AL MESE PER 18 MESI. IN REGALO UN E-SCOOTER V25 VIVO CLICCA QUI E COMPILA IL FORM SUL SITO DI SKY PER I DETTAGLI

PrecedenteIl documentario su Paolo Rossi arriva nei cinema
SuccessivoLa Serie B fa sorridere le tv: bacino d’utenza a +67%