Scontro sul nichel: Elliott fa causa a LME per 420 mln

L’hedge fund statunitense Elliott Management – che di recente ha ceduto la maggioranza del Milan a RedBird Capital – ha citato in giudizio il London Metal Exchange per oltre 450…

Elliott archiviate indagini penali
Il numero uno del fondo Elliott, Paul Singer (Foto: Thos Robinson/Getty Images for New York Times)

L’hedge fund statunitense Elliott Management – che di recente ha ceduto la maggioranza del Milan a RedBird Capital – ha citato in giudizio il London Metal Exchange per oltre 450 milioni di dollari (420 milioni di euro circa) per la sua decisione di annullare le negoziazioni di nichel a marzo dopo un aumento senza precedenti del prezzo del metallo.

Come riportato dal Financial Times, Elliott ha intentato la causa attraverso due veicoli contro LME e LME Clear il 1° giugno presso l’Alta Corte di Giustizia in Inghilterra, ha affermato lunedì il proprietario di LME Hong Kong Exchanges and Clearing. La causa del fondo sostiene che la cancellazione dei contratti di nichel l’8 marzo era «illegale per motivi di diritto pubblico e/o costituiva una violazione dei diritti dei ricorrenti».

[cfDaznAlmanaccoCalcioPlayer]

La causa di Elliott si riferisce alla decisione della Borsa di annullare un giorno di scambi di nichel e sospendere le negoziazioni per otto giorni a marzo. La decisione di sospendere le negoziazioni ha fatto seguito a un aumento del 250% del prezzo del nichel fino a un record di 100.000 dollari per tonnellata, innescato da una breve stretta quando banche e broker si sono precipitati a chiudere parte di una grande posizione accumulata da Xiang Guangda, il miliardario fondatore del principale produttore cinese di acciaio inossidabile Tsingshan Holding Group.

La decisione del LME di cancellare un giorno di negoziazioni a causa dell’impennata dei prezzi ha provocato scalpore tra alcuni trader che hanno visto i loro profitti spazzati via da questa mossa. La mossa ha anche spinto le autorità di regolamentazione finanziaria del Regno Unito ad aprile ad avviare una revisione del “disorderly market” dei contratti sul nichel durante il periodo.