Antonio Percassi e Stephen Pagliuca (Photo by MIGUEL MEDINA/AFP via Getty Images)

Parte da Bergamo per arrivare fino al Delaware, passando per il Lussemburgo, la nuova catena di controllo dell’Atalanta. Secondo i documenti ufficiali che Calcio e Finanza ha potuto visionare, infatti, con l’ingresso nella società bergamasca della cordata rappresentata da Stephen Pagliuca, co-chairman di Bain Capital, è cambiata anche la struttura di controllo del club, anche attraverso un corposo aumento di capitale.

Tutto parte dalla società La Dea SRL, la società attraverso cui la famiglia Percassi deteneva l’84,66% delle quote delle Atalanta. Nelle scorse settimane, secondo i documenti visionati, Odissea (la holding attraverso cui i Percassi controllano tutti i propri investimenti, da Kiko a Orio Center) ha così ceduto il 100% della società La Dea Srl alla nuova società La Dea 11 Srl, creata il 18 marzo 2022. A sua volta, il 100% de La Dea 11 Srl è detenuta da un’altra società italiana creata per l’operazione, La Dea H Srl, la società che nei documenti viene definita HoldCo e in cui i Percassi rientrano nell’Atalanta.

Inizialmente infatti, il 100% del La Dea H era in mano a due holding lussemburghesi: il 50% alla 1907 ABC SCSP e il 50% alla 2022 ABC SCSP. Da qui, così, si snodano due rami che portano fino al Delaware, noto paradiso fiscale negli USA spesso utilizzato in questo tipo di operazioni (portano nel Delaware tra le altre anche le catene di controllo di Milan e Roma ad esempio) anche per le norme meno restrittive in termini di trasparenza sulle società.

(Photo by MIGUEL MEDINA/AFP via Getty Images)

Da un lato, la 1907 ABC SCSP fa riferimento alla 1907 Sarl, che a sua volta è detenuta da Luca Bassi (uomo di fiducia di Pagliuca e consigliere d’amministrazione dell’Atalanta, indicato anche come beneficiario effettivo della società lussemburghese) e dalla Atalanta 2022 LLC con sede in Delaware. Dall’altro, la 2022 ABC SCSP fa riferimento alla lussemburghese 2022 Sarl, a sua volta detenuta da David Benjamin Gross-Loh (altro uomo di Pagliuca nel CdA dell’Atalanta, indicato anche lui come beneficiario effettivo della società lussemburghese) e alla Italy Soccer Holdings LLC, con sede in Delaware.

Una struttura in cui sembrava, inizialmente, non comparire più la famiglia Percassi. Tuttavia, sempre lo scorso 4 aprile, la Dea H Srl ha deliberato un aumento di capitale da complessivi 214,9 milioni di euro (da completare entro il 30 giugno 2022) che verrà sottoscritto non solo dalla 1907 ABC SCSP e dalla 2022 ABC SCSP, ma anche dall’Odissea dei Percassi, completando così la struttura della holding che controlla l’Atalanta con il 55% in mano a Pagliuca e soci mentre il restante 45% rimarrà ai Percassi.

TUTTA LA SERIE A TIM È SOLO SU DAZN: 7 PARTITE IN ESCLUSIVA E 3 IN CO-ESCLUSIVA A GIORNATA. 29,99 EURO/MESE. ATTIVA ORA. DISDICI QUANDO VUOI