Chelsea 3 logo
(Photo by VIRGINIE LEFOUR/BELGA MAG/AFP via Getty Images)

Il Chelsea continuerà a indossare magliette sponsorizzate dall’operatore di telefonia mobile 3. La compagna telefonica, subito dopo che il governo britannico ha sanzionato l’ormai ex patron del Chelsea Roman Abramovich, ha annunciato la sospensione del proprio accordo da 40 milioni di sterline all’anno con il club di Stamford Bridge, richiedendo anche la rimozione del proprio marchio dalle divise dei Blues.

“Alla luce delle sanzioni recentemente annunciate dal governo, abbiamo chiesto al Chelsea Football Club di sospendere temporaneamente la nostra sponsorizzazione del club, inclusa la rimozione del nostro marchio dalle magliette e dallo stadio fino a nuovo avviso – aveva affermato 3. – Riconosciamo che questa decisione avrà un impatto sui tanti tifosi del Chelsea che seguono con passione la loro squadra. Tuttavia, riteniamo che, date le circostanze e la sanzione governativa in vigore, sia la cosa giusta da fare”.

A questo punto però si è creato un problema in quanto Nike, proprio a causa delle sanzioni imposte al club, non potrà fornire nuove divise a Jorginho e compagni che dovranno continuare ad utilizzare quelle fornite fino ad ora dall’azienda di abbigliamento sportivo recanti il logo di 3 sul fronte della maglia.

Secondo quanto riportato da Sportsmail, tutte le soluzioni sono state respinte: dall’utilizzo di uno spray bianco per dipingere i loghi, alla copertura del logo con del nastro adesivo. Appresa la notizia, i vertici della compagnia telefonica 3 hanno dovuto accettare che il logo resti sulle divise e di essere associati perciò al club.

L’unico scenario in cui la situazione potrebbe cambiare prima della fine della stagione è il completamento della cessione del club, che consentirebbe al governo di revocare le sanzioni dando la possibilità a Nike di fornire nuove maglie.

Anche Hyundai, il cui logo è posto sulla manica delle divise dei Blues, ha fatto seguito a 3 sospendendo la propria sponsorizzazione, ma senza richiedere la rimozione del loro logo.

“Hyundai è diventato uno dei partner più forti nel calcio nel corso degli anni e la società sostiene che lo sport sia una forza positiva – si legge nella loro dichiarazione della casa automobilistica -. Grazie alla nostra partnership con il Chelsea FC, siamo orgogliosi sostenitori dei giocatori, dei tifosi e del calcio di base. Tuttavia, nelle circostanze attuali, abbiamo deciso di sospendere le nostre attività di marketing e comunicazione con il Club fino a nuovo avviso”.