Inter bilancio 2022
Il logo dell'Inter (Photo by ALBERTO PIZZOLI/AFP via Getty Images)

Nella giornata di venerdì, il club di viale della Liberazione è stato ascoltato a Nyon dalla prima sezione del Club Financial Control Body dell’Uefa per il mancato pareggio del bilancio nel periodo 2018-21, afflitto dalla pandemia Covid-19. La questione Fair Play Finanziario non riguarda solo l’Inter. Infatti, venerdì scorso c’è stata un’audizione anche per Milan e Roma, mentre a breve toccherà alla Juventus – come spiega l’edizione odierna de Il Corriere dello Sport -, e almeno un’altra trentina di formazioni di tutta Europa. La Uefa ha chiesto “aggiustamenti” ai prossimi bilanci anche in previsione delle nuove regole del Fair Play Finanziario che saranno presentate a breve.

La UEFA, infatti, ha aperto un procedimento per il Fair Play Finanziario ai danni della società nerazzurra. Secondo quanto appreso da Calcio e Finanza da fonti vicine alla UEFA, quello aperto nei confronti del club nerazzurro è un «procedimento standard». Una sorta di passaggio formale che non ha come obiettivo quello di sanzionare la società per il mancato rispetto dei parametri del Fair Play Finanziario.

La UEFA, del resto, è conscia del fatto che le ultime stagioni siano state influenzate dalle difficoltà portate dall’emergenza Coronavirus e che tanti club – comprese altre società italiane – non siano stati in grado di rispettare i requisiti di pareggio, neanche con le nuove norme “ammorbidite” dopo l’insorgere della pandemia.

Inoltre, il Fair Play Finanziario come lo abbiamo conosciuto finora presto non esisterà più e sarà sostituito da nuove norme che dovrebbero entrare in vigore in via definitiva con la stagione 2024/25. Per questo motivo la UEFA sta chiedendo all’Inter – e agli altri grandi club europei – informazioni sui risultati degli ultimi anni, come previsto dalle regole attuali, ma anche in previsione per quanto concerne la stagione 2021/22.

ISCRIVITI AD AMAZON PRIME VIDEO E PROVALO GRATIS PER 30 GIORNI. CLICCA QUI PER REGISTRARTI

IMPORTANTE: In qualità di Affiliato Amazon, Calcio e Finanza riceve un guadagno dagli acquisti idonei. Calcio e Finanza riceve una commissione per ogni utente, con diritto di usufruire del periodo gratuito di 30 giorni di Amazon Prime, che da www.calcioefinanza.it si iscrive a Prime attraverso PrimeVideo.com. Registrandoti ad Amazon Prime Video attraverso il precedente link puoi pertanto contribuire a sostenere il progetto editoriale di Calcio e Finanza. Grazie.

PrecedenteConsigli per i giocatori dalla Svizzera su come scegliere i migliori casinò online con criptovalute
SuccessivoZelensky attacca Microsoft: «O sei per la pace o sostieni Putin»