Serie A algoritmo ascolti
(Foto: Antonietta Baldassarre / Insidefoto)

Il tema dello stop alla concurrency – la visione contemporanea di un evento su due dispositivi, con un unico account – è stato messo momentaneamente da parte. Dopo le polemiche che avevano seguito la scelta di DAZN di rimuovere questa possibilità, la piattaforma aveva deciso di non apportare modifiche per questa stagione, accendendo tuttavia i riflettori sul tema dello sfruttamento degli abbonamenti e del rischio pirateria.

La piattaforma, comunque, non smette di ricordare ai suoi clienti che – sulla base delle condizioni di utilizzo – non è consentito condividere i dati d’accesso con altri utenti: «Ciao XXX, ti scriviamo per ricordarti le Condizioni di Utilizzo del nostro servizio per quanto riguarda l’uso degli account DAZN. Vogliamo ricordarti che è contrario alle nostre Condizioni di Utilizzo condividere i tuoi dati di accesso con chiunque altro», si legge nella mail che DAZN invia agli abbonati.

«Se pensi che qualcuno abbia potuto utilizzare la tua password – prosegue il messaggio della piattaforma di sport in streaming –, ti consigliamo di reimpostarla accedendo alla sezione “Dati personali” all’interno dell’ area “Il Mio Account” sul sito DAZN.com».

A partire dalla prossima stagione ci saranno delle novità per quanto riguarda le sottoscrizioni a DAZN. Lo aveva raccontato Veronica Diquattro, Chief Revenue Officer di DAZN Europe: «L’obiettivo, in futuro, è quello di introdurre diverse modalità di abbonamento per le famiglie o per un utilizzo individuale».

PrecedenteSu DAZN Fun una nuova sfida dedicata a LaLiga
SuccessivoEsposto di Abisso dopo Roma-Genoa: scatta un’inchiesta su Calvarese

1 COMMENTO

  1. […] Lo fa attraverso un’email che, di fatto, sottolinea come la doppia utenza non sia consentita. Non è possibile cedere le credenziali di accesso allo streaming delle partite e degli altri contenuti trasmessi, in diretta o in modalità on-demand. Questo il messaggio, come riportato sulle pagine di Calcio e Finanza. […]

Comments are closed.