Iliad espansione Italia
Il logo di Iliad (Image credit: Depositphotos)

Iliad ci potrebbe riprovare con Vodafone Italia. Lo riporta Le Monde, spiegando che dopo il rifiuto all’offerta di 11,25 miliardi di euro per gli asset italiani della compagnia telefonica, il gruppo francese potrebbe tornare alla carica con uno schema diverso.

Tutto lascerebbe presupporre che il gruppo del miliardario Xavier Niel, che da qualche mese non fa mistero delle sue ambizioni di sviluppo in Europa, sia intenzionato a tornare alla carica, con una proposta più vicina alle aspettative di Vodafone e dei suoi azionisti.

Come partner di Iliad ci sarebbe il fondo di investimento Apax Partners, abituato a investire nelle telecomunicazioni, mentre Bnp Paribas fornirebbe il necessario finanziamento. Iliad potrebbe proporre uno schema diverso, permettendo, ad esempio, a Vodafone di rimanere azionista dell’operatore risultante dalla fusione, in modo da poter sfruttare appieno le sinergie attese.

Del resto, Iliad ha bisogno di crescere per sostenere gli investimenti necessari per finalizzare la propria rete mobile. Iliad Italia, aggiunge ancora Le Monde, deve pagare 1 miliardo di euro quest’anno per rilevare delle frequenze. L’approccio, infine, è stato anche un modo per arrivare al tavolo delle trattative del settore, con riferimento all’offerta di Kkr su Telecom Italia. Una questione che Xavier Niel conosce bene: il fondatore di Iliad è membro del consiglio di amministrazione di Kkr dal 2018.

Image creditDepositphotos

ISCRIVITI AD AMAZON PRIME VIDEO E PROVALO GRATIS PER 30 GIORNI. CLICCA QUI PER REGISTRARTI

IMPORTANTE: In qualità di Affiliato Amazon, Calcio e Finanza riceve un guadagno dagli acquisti idonei. Calcio e Finanza riceve una commissione per ogni utente, con diritto di usufruire del periodo gratuito di 30 giorni di Amazon Prime, che da www.calcioefinanza.it si iscrive a Prime attraverso PrimeVideo.com. Registrandoti ad Amazon Prime Video attraverso il precedente link puoi pertanto contribuire a sostenere il progetto editoriale di Calcio e Finanza. Grazie.

PrecedenteSerie A, torna l’ipotesi separazione in stile Premier
SuccessivoSerie A negli USA, idea squadre “miste” con la MLS