Incidente diplomatico per statua di CR7 in un'ex colonia portoghese

Una statua dedicata al fuoriclasse portoghese Cristiano Ronaldo divide l’opinione pubblica indiana: appena inaugurata nello Stato occidentale di Goa, dove il calcio è lo sport più popolare, la statua è…

calciatori over 30 più costosi

Una statua dedicata al fuoriclasse portoghese Cristiano Ronaldo divide l’opinione pubblica indiana: appena inaugurata nello Stato occidentale di Goa, dove il calcio è lo sport più popolare, la statua è stata pensata per ispirare i giovani, ma finora ha soltanto alimentato una polemica di stampo campanilistico. A riportarlo è la BBC.

Goa, infatti, è un’ex colonia portoghese e sono ormai 60 anni che gode della sua indipendenza da Lisbona: per i critici sarebbe stato meglio onorare un giocatore locale, anche perché numerosi membri passati e presenti della Nazionale Indiana sono proprio di Goa.

“Sono molto deluso di sentire che hanno eretto una statua dedicata a Ronaldo. Impariamo ad essere orgogliosi delle nostre icone, come Samir Naik e Bruno Coutinho”, ha detto un residente del luogo all’agenzia di stampa IANS riferendosi a due ex noti calciatori locali. Da parte sua, il Times of India riporta che durante l’inaugurazione della statua alcune persone hanno sventolato bandiere nere in segno di protesta.

Altri ritengono che sia offensivo installare la statua proprio durante le celebrazioni del 60mo anniversario dell’indipendenza dal Portogallo, avvenuta 14 anni dopo che il resto dell’India era stato liberato dal dominio britannico. “Erigere una statua di un calciatore portoghese quest’anno è un sacrilegio. Condanniamo questo atto”, ha detto l’attivista di destra, Guru Shirodkar, citato dalla IANS. “Ci sono molti combattenti per la libertà a Goa che sono stati insultati”, ha aggiunto