Debiti Sampdoria
(Photo by Getty Images)

Non un periodo tranquillo in casa Sampdoria. Con l’arresto del patron Ferrero e le sue conseguenti dimissioni da presidente del club, i blucerchiati si ritrovano in una situazione societaria più che delicata, a poche ore dal calcio d’inizio del Derby della Lanterna.

La compagine genovese deve quindi essere ceduta al più presto. Sulla cessione, tuttavia, pesano i debiti contratti dalla Samp: come riporta il Secolo XIX, tale cifra ammonta a ben 120 milioni di euro. Ma come è divisa?

Debiti Sampdoria – Factoring, calciomercato e fisco

La stima è realizzata a partire dai debiti di posizione finanziaria netta, che rappresenta il grado di indebitamento dell’azienda al netto delle disponibilità liquide: tale valore raggiunge oggi i 70 milioni di euro.

Questa cifra si divide tra i debiti per il restyling del centro sportivo e i 55 milioni del blocco dei finanziamenti assistiti da garanzia SACE a condizioni agevolate. Altri 25 milioni di euro sono quindi riconducibili al “factoring”, ossia ai crediti che la Samp vanta verso terzi, anticipati dalle banche. Tra queste si annoverano Flatex Bank, per i trasferimenti di Andersen e Kownacki, e Banca Sistema.

Si passa infine ai debiti di calciomercato contratti con altre società, che possono comunque diventare oggetto di trattative per arrivare a spalmarli più in là nel tempo. Infine vi sono i 15 milioni di debiti contratti con il fisco, la cui scadenza (almeno di una parte) giungerà a breve.

Tutta la Serie A TIM è solo su DAZN: 7 partite in esclusiva e 3 in co-esclusiva a giornata. 29,99 euro/mese. Attiva Ora. Disdici quando vuoi