Juventus esclusione competizioni UEFA
(Foto: Andrea Staccioli, via Onefootball)

Ancora in calo il titolo della Juventus in Borsa, tra l’effetto dell’aumento di capitale e l’apertura delle indagini da parte della Procura di Torino sulle operazioni di calciomercato negli ultimi anni.

Alle 10.50 infatti il titolo del club bianconero perde l’1,81% a 0,4236 euro per azione. Ancora alti i volumi di scambi, con 3,6 di azioni passate di mano su un volume medio giornaliero negli ultimi tre mesi pari a 2,5 milioni. 

Sul titolo pesa, così, non solo l’indagine della Procura di Torino, che ha portato sia la società che sei dirigenti ai vertici del club (dal presidente Andrea Agnelli all’ex chief football officer Fabio Paratici) ad essere iscritti nel registro del indagati per false comunicazioni sociali ed emissione di fatture per operazioni inesistenti, ma anche l’avvio dell’aumento di capitale da 400 milioni lanciato ieri.

Le nuove azioni saranno offerte al prezzo di 0,334 euro ciascuna, nel rapporto di 9 nuovi titoli ogni 10 già posseduti. Il socio di maggioranza Exor (che ha chiuso la giornata con un +1,08% a 78,88 euro per azione a Piazza Affari), presieduta da John Elkann, si era già impegnata a sottoscrivere la sua quota, circa il 63,8% del totale, pari a
255 milioni di euro. Di questa somma, Exor ha già versato 75 milioni il 27 agosto scorso.

GUARDA “ALL OR NOTHING: JUVENTUS” SU AMAZON PRIME VIDEO. ISCRIVITI E PROVA IL SERVIZIO GRATIS PER 30 GIORNI. CLICCA QUI PER REGISTRART

IMPORTANTEIn qualità di Affiliato Amazon, Calcio e Finanza riceve un guadagno dagli acquisti idonei. Calcio e Finanza può guadagnare €3 per ogni utente, con diritto di usufruire del periodo gratuito di 30 giorni di Amazon Prime, che da www.calcioefinanza.it si iscrive a Prime attraverso PrimeVideo.comRegistrandoti ad Amazon Prime Video attraverso il precedente link puoi pertanto contribuire a sostenere il progetto editoriale di Calcio e Finanza. Grazie.