Genoa Sampdoria Spezia sponsorizzazione
(Foto: Gabriele Maltinti/Getty Images)

Ostruzionismo a segno da parte della minoranza del consiglio regionale della Liguria che comporta lo slittamento della legge che avrebbe consentito alla giunta di investire 210.000 euro per una campagna di promozione con l’inserimento del logo “La mia Liguria” sulle maglie delle tre squadre di calcio liguri in Serie A, Genoa, Sampdoria e Spezia.

Un provvedimento contestato sia nel merito, che nel metodo da parte delle opposizioni. La discussione è stata portata alle lunghe da una serie infinita di interventi dei consiglieri di minoranza sugli articoli del disegno di legge presentato dal governatore Giovanni Toti e sulla proposta di diversi emendamenti. L’esame della pratica riprenderà la prossima settimana.

Il disegno di legge non fa esplicito riferimento alla sponsorizzazione, ma prevede che la Regione, anche per il tramite di società partecipate, acquisisca tra le società sportive professionistiche «che svolgano campionati di massima serie» la manifestazione di interesse ad attivare campagne promozionali con modalità decise attraverso apposite delibere di giunta.

Critico sulla legge il Partito Democratico. Per i dem, inoltre, non si sarebbe dovuto utilizzare un disegno di legge ordinario, ma una variazione di bilancio che ha tempi più lunghi e codificati. Per il capogruppo del M5s, Fabio Tosi, ci sono invece «troppe ombre».

La replica della giunta è affidata all’assessore Marco Scajola, delegato dal governatore Giovanni Toti: «E’ un’idea brillante del presidente Toti che abbiamo condiviso come giunta e maggioranza. Sarebbe bello la condividesse anche la minoranza, ma invece no, perché l’abbiamo fatta noi e, quindi, pessimismo e gufate a non finire. Che la minoranza sia così convintamente contraria mi fa pensare che siamo sulla strada buona».

Scopri TIMVISION Gold con tutto Netflix, Disney+, DAZN con tutta la Serie A TIM, Infinity+ con la UEFA Champions League. Clicca qui, compila il form e ricevi maggiori informazioni