(Photo by Pool/Getty Images)

È questione di giorni, forse anche di ore, e il Newcastle United sarà la prima squadra europea di proprietà del Public Investment Fund (PIF) dell’Arabia Saudita. La trattativa, in corso da mesi, è stata sbloccata definitivamente dalla risoluzione delle controversie tra l’Arabia e beIN Sports, che avevano portato la comunità internazionale ad accusare il Paese di favoreggiamento alla pirateria digitale.

Come riporta il sito inglese Goal.com, il fondo saudita possiede una ricchezza netta di oltre 430 miliardi di euro, vale a dire 13 volte tanto quella di dello sceicco Mansour, proprietario del Manchester City, e addirittura 50 volte più ricco di Nasser Al-Khelaifi, presidente del PSG. Si tratta di una disponibilità considerevole, proveniente da investimenti e attività in tutto il mondo, a cui tra poco si aggiungerà il Newcastle.

Il Public Investment Fund è il fondo d’investimento sovrano del regno saudita, e fa capo direttamente a Mohammad bin Salman, giovane principe ereditario che nei mesi giorni è emerso come potenziale interessato all’acquisto dell’Inter. Il fondo gioca un ruolo chiave nel progetto del principe di diversificazione dell’economia saudita, riassunto nel concetto della Vision 2030.

Tutta la Serie A TIM è solo su DAZN: 7 partite in esclusiva e 3 in co-esclusiva a giornata. 29,99 euro/mese. Attiva Ora. Disdici quando vuoi