Nuovo digitale terrestre
(Foto: Carl Recine, via Onefootball)

Poco meno di due mesi a una rivoluzione tecnica nel mondo televisivo che riguarderà tutte le famiglie. Da settembre 2021, molti televisori – tra i quali anche alcuni più recenti e già “smart” – non saranno più in grado di ricevere il nuovo segnale televisivo.

Una novità che riguarderà da vicino anche gli appassionati di calcio che anche nella prossima stagione si preparano a godere degli eventi in chiaro: dalla Coppa Italia alla Champions League, dalle sfide di Europa League ai match della Nazionale in Nations League e sulla strada per Qatar 2022.

Nuovo digitale terrestre – Le tappe del cambiamento

In pratica, con l’arrivo del 5G, è necessaria una nuova organizzazione delle porzioni di frequenza della rete tv, passando dalla vecchia tecnologia Dvb-T alla nuova Dvb-T2. Il passaggio al nuovo digitale terrestre inizierà il 1° settembre del 2021, per concludersi a giugno 2022. Queste le tappe ufficiali:

  • 1° settembre 2021-31 dicembre 2021: nuovo segnale in Valle d’Aosta, Piemonte, Lombardia, Veneto, Friuli Venezia Giulia, Emilia-Romagna, Trento, Bolzano.
  • 1° gennaio 2022-31 marzo 2022: nuovo segnale in Liguria, Toscana, Umbria, Lazio, Campania ee Sardegna.
  • 1° aprile 2022-20 giugno 2022: nuovo segnale in Sicilia, Calabria, Puglia, Basilicata, Abruzzo, Molise e Marche.

Per scoprire se le proprie tv siano abilitate a ricevere il nuovo segnale, bisognerà innanzitutto fare riferimento all’anno di acquisto:

  • Prima del 2010: tv non abilitate;
  • Dal 2010 al 2015: molto probabile che le tv non siano abilitate;
  • Dal 2015 al 2018: possibile la compatibilità con il nuovo standard;
  • Dopo il 2019: tv abilitate

In ogni caso, collegandosi al sito di Altroconsumo sarà possibile effettuare un test e scoprire se un cambio sia necessario. Per chi non riuscirà più a vedere nulla le opzioni saranno due: procurarsi un decoder con standard aggiornati, o cambiare televisore.

A tal proposito, è possibile approfittare del “Bonus Tv 2021 senza Isee” che concede a tutti, senza limiti di reddito, uno sconto fino a 100 euro sull’acquisto di un nuovo televisore. Sarà in vigore fino al 31 dicembre 2022, sarà cumulabile con il Bonus Tv del 2020 e verrà riconosciuto ad un apparecchio per famiglia.

Nuovo digitale terrestre – I requisiti del bonus

Si tratta, in sostanza, di un bonus del 20% fino a un massimo di 100 euro (Iva compresa). Un sistema per incentivare la sostituzione dei vecchi apparecchi e per il quale sono state messe in campo risorse per 250 milioni di euro. Questi i requisiti per accedere:

  • La residenza in Italia;
  • Dare in rottamazione un televisore acquistato prima del 22 dicembre 2018;
  • Essere in regola con il pagamento del canone.

Per quanto riguarda il secondo punto, sarà sufficiente consegnare il vecchio tv nello store in cui si intende acquistare quello nuovo. Il rivenditore applicherà lo sconto e si occuperà di smaltire il vecchio prodotto, avendo diritto a un credito fiscale pari allo sconto applicato.

In alternativa, si potrà portare il vecchio tv in una ricicleria ecologica messa a disposizione dal Comune nel quale si è residenti. Qui sarà rilasciato un modulo che dimostrerà l’avvenuto smaltimento, per richiedere lo sconto al rivenditore preferito.

Attiva ora DAZN in offerta speciale fino al 28 luglio per 14 mesi a a 19,99€ al mese, invece di 29,99€ al mese