pirateria

Giallo sugli orari-spezzatino per la Lega Serie A: in assemblea i club avevano dato il via libera alla proposta di spalmare 10 gare in altrettanti orari diversi, con 13 voti a favore.

Tuttavia, la decisione è stata subito dopo revocata nell’ottica di una maggiore valorizzazione: i club si sono aggiornati e torneranno a votare sul tema la prossima settimana.

Sul tavolo della riunione in corso a Milano c’era infatti l’opzione per arrivare fino alla totale sfasatura delle partite, che verrebbero così disputate tutte e 10 in 10 orari diversi.

Oltre al Monday Night delle 20.45, l’ipotesi vedrebbe le partite al sabato in quattro finestre diverse (14.30, 16.30, 18.30 e 20.45) e quelle di domenica in cinque (12.30, 14.30, 16.30, 18.30 e 20.45). Un passo avanti rispetto a quanto avviene oggi, con solo tre gare che si giocano in contemporanea.

“L’assemblea non ha preso decisioni sugli slot delle partite”, ha spiegato il presidente della Lega Serie A Paolo Dal Pino all’uscita dall’assemblea. Dopo la prima votazione sulla spalmatura delle 10 gare in altrettanti orari, in cui era arrivato il voto contrario di Genoa, Samp, Roma, Bologna, Sassuolo e Spezia, l’assemblea ha scelto di votare una seconda delibera per annullare il voto: mozione passata con il voto contrario solo di Juventus, Lazio e Napoli.

SCOPRI LE NUOVE OFFERTE DI SKY PER LA STAGIONE 2021/2022. CLICCA QUI E COMPILA IL FORM SUL SITO DI SKY PER AVERE TUTTE LE INFO SU CALCIO, SPORT E INTRATTENIMENTO