Superlega sanzioni UEFA
Il trofeo della Champions League (Foto: Insidefoto.com)

La UEFA sarebbe pronta ad adottare sanzioni disciplinari nei confronti dei club che hanno partecipato alla creazione della tanto discussa Superlega e che devono ancora prendere le distanze dal progetto. Lo riporta l’emittente statunitense ESPN, sulla base di fonti che hanno familiarità con la situazione.

In particolare – ha rivelato ESPN – le sanzioni in questione potrebbero comportare come punizione massima l’esclusione dei suddetti club dalla UEFA Champions League o dalla UEFA Europa League per un periodo di tempo fino a due anni.

Negli ultimi 10 giorni la UEFA ha avuto colloqui con i 12 club coinvolti nel progetto Superlega nel tentativo di concordare una sanzione minore ed ottenere da parte loro un impegno formale definitivo a non portare avanti la creazione del torneo.

Sempre secondo ESPN, a tal proposito la Federcalcio europea avrebbe raggiunto un’intesa con sette club: Arsenal, Atletico Madrid, Chelsea, Liverpool, Manchester City, Manchester United e Tottenham Hotspur. Anche l’Inter sarebbe vicina a un accordo, seppur questo non sia ancora stato raggiunto.

I restanti quattro club – Juventus, Real Madrid, Barcellona e Milan – hanno finora mantenuto le loro posizioni e potrebbero dunque andare incontro alle sanzioni disciplinari UEFA anche per aver violato l’articolo 51 dello statuto, che afferma che: «Nessuna unione o alleanza tra … club affiliati, direttamente o indirettamente, a federazioni diverse dalla UEFA possono essere costituite senza il permesso della UEFA stessa».

I quattro club coinvolti credono tuttavia, da parte loro, di essere in una posizione di forza, poiché i documenti originali depositati presso la UEFA e la FIFA riportavano la richiesta della Superlega alla UEFA del “permesso” di creare la competizione e il “riconoscimento” della stessa invece di staccarsi dall’associazione.

Una battaglia legale non gioverebbe a nessuno e, sempre secondo ESPN, se 9 club su 12 uscissero dalla Superlega, sulla base dello statuto di quest’ultimo il progetto sarebbe considerato concluso. Per questo motivo la UEFA sta lavorando in questa direzione.

Sul tema sanzioni è intervenuto anche il presidente della FIFA Gianni Infantino, che in un’intervista a L’Equipe ha detto: «Alcune azioni devono avere delle conseguenze e tutti devono assumersi le proprie responsabilità, ma bisogna sempre stare attenti quando si parla di sanzioni. Di quali sanzioni stiamo parlando? Si dice subito che bisogna punire, è anche popolare o populista, ma bisogna pensare anche alle conseguenze di eventuali sanzioni perché quando si punisce un club vengono puniti anche giocatori, allenatori, tifosi, che non c’entrano niente».

GUARDA IL GRANDE SPORT DI SKY IN STREAMING SU NOW. CLICCA QUI E SCOPRI L’OFFERTA GIUSTA PER TE