Lazio stadio Flaminio
Lo stadio Flaminio (foto Imago Images/Imagebroker via Onefootball)

Nella giornata di ieri, il ministro della cultura Franceschini aveva aperto alla possibilità di dedicare parte dei fondi del Recovery Fund per il rinnovamento dello stadio Artemio Franchi di Firenze. Tuttavia, l’impianto fiorentino potrebbe non essere il solo a ricevere i fondi.

Risulta infatti che nel piano da 25 miliardi presentato dal Campidoglio per attrarre i fondi del Recovery Fund nella Capitale vi sia anche il recupero dell’area dello stadio Flaminio, per cui vengono richiesti 80 milioni di euro. Lo stadio è stato inserito in quanto impianto sportivo pubblico di valore storico e architettonico, ed è al momento inutilizzato, anche se sono già state elaborate delle linee guida per la riqualificazione.

L’impianto è sorto nel 1959, ed è in grado di ospitare quasi 25.000 spettatori. Dal 2018 è oggetto di uno studio di ristrutturazione, tutelato dalla soprintendenza speciale delle Belle Arti di Roma.

Il progetto per ristrutturare il Flaminio potrebbe rientrare nel Recovery Plan, quindi, insieme a quello per il Franchi di Firenze. “Per quanto riguarda lo stadio Franchi di Firenze ho ricevuto una lettera anche dal sindaco. Siccome la voce ‘grandi attrattori’ dovrà essere adeguata, se dal Parlamento viene questa indicazione per un’opera di grande valore di Nervi, è una integrazione che sono favorevole a fare” ha dichiarato il Ministro della Cultura Franceschini, rispondendo alle sollecitazioni dei parlamentari sull’inserimento del progetto nella lista da inserire nel Pnrr (Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza).