Stadio della Roma Friedkin

La nuova Roma targata Friedkin butta nel cestino il progetto per il nuovo stadio predisposto dalla gestione di James Pallotta e che avrebbe dovuto realizzato a Tor Di Valle.

Il consiglio di amministrazione della Roma «sulla base degli approfondimenti condotti da advisor finanziari, notarili e legali di primario standing, nonché alla luce delle ultime comunicazioni di Roma Capitale, ha verificato che non sussistono più i presupposti per confermare l’interesse all’utilizzo dello stadio da realizzarsi nell’ambito dell’attuale progetto immobiliare relativo all’area di Tor Di Valle, essendo quest’ultimo progetto divenuto di impossibile esecuzione».

Lo ha reso noto la società giallorossa nel comunicato stampa relativo ai risultati del primo semestre, chiuso con una perdita in calo a 74,78 milioni di euro, in miglioramento di 12,18 milioni rispetto al rosso di 86,96 milioni dello stesso periodo del 2019-2020.

ll cda della Roma, «dopo aver esaminato le analisi svolte dagli advisor in merito alle condizioni finanziarie, economiche, giuridiche e fattuali del progetto e del relativo proponente – ha preso atto che tali condizioni impediscono di procedere ulteriormente». Ha fatto sapere la società presieduta da Dan Friedkin.

«Il consiglio di amministrazione», si legge ancora nella nota del club, «ha constatato, inoltre, che anche la pandemia ha radicalmente modificato lo scenario economico internazionale, comprese le prospettive finanziarie dell’attuale progetto stadio».

«Tale decisione è stata presa dal consiglio di amministrazione nell’interesse della società, ricordando che la stessa sarebbe stata la mera utilizzatrice dell’impianto, ed è stata comunicata all’Amministrazione di Roma Capitale in data odierna».

La Roma di Friedkin non rinuncia comunque al progetto dello stadio di proprietà. Il cda del club ha infatti fatto sapere di voler dotare la Roma di un nuovo stadio, lasciandosi aperta ogni possibilità in tema progettuale e di ubicazione dell’impianto.

«Ciò posto, la società conferma l’intenzione di rafforzare il dialogo con l’Amministrazione di Roma Capitale, la Regione e tutte le Istituzioni preposte, le Università di Roma e le Istituzioni sportive, per realizzare uno stadio verde, sostenibile ed integrato con il territorio, discutendo in modo costruttivo tutte le ipotesi, inclusa Tor di Valle, e valutando tutte le possibili iniziative a tutela degli interessi della Società, di tutti i suoi azionisti e dei suoi tifosi».

SERIE A, CHAMPIONS LEAGUE
ED EUROPA LEAGUE
SCOPRI LE NUOVE OFFERTE DI SKY
CLICCA QUI E COMPILA IL FORM