Juventus acquista J Hotel
(Photo by Marco BERTORELLO / AFP) (Photo by MARCO BERTORELLO/AFP via Getty Images)

La Juventus diventa proprietaria al 100% del suo hotel, il J Hotel. Il club bianconero deteneva in precedenza il 40% di B&W Nest S.r.l., la società che gestisce la struttura, mentre ora è salita al 100% rilevando anche la quota di partecipazione in mano a Lindbergh Hotels Srl.

A spiegarlo è la stessa società piemontese, nella semestrale al 31 dicembre 2020: «In data 3 luglio 2020 Juventus ha acquistato da Lindbergh Hotels S.r.l. la quota di partecipazione da questa detenuta nella B&W Nest S.r.l. (società che gestisce il J Hotel). A seguito di tale acquisizione Juventus detiene l’intero capitale sociale della B&W Nest S.r.l.».

«Pertanto – si legge ancora sul documento –, a partire da tale data la Società è tenuta alla redazione del bilancio consolidato; l’effetto principale del consolidamento si riflette nell’Indebitamento Finanziario Netto, che si incrementa di € 17,3 milioni (di cui € 15,2 milioni riferibili all’applicazione del principio contabile IFRS16 sui contratti di affitto e noleggio correlati all’attività operativa dell’hotel)».

Il J Hotel, l’albergo che sorge vicino allo Juventus Training Center, ha aperto al pubblico nell’agosto del 2019. Distribuito su 11.200 metri quadrati di superficie, la struttura ospita il Centro Congressi, il ristorante, il lounge bar, l’area benessere, un ampio giardino e 138 camere. A queste si aggiungono le stanze riservate alla squadra bianconera e allo staff tecnico, cui è riservata un’ampia zona che ospita i ritiri pre-partita.

Il J Hotel – spiegava la Juve al momento dell’apertura al pubblico – si inserisce nel progetto di riqualificazione urbana dell’area portato avanti dalla società bianconera, che comprende l’Allianz Stadium, lo Juventus Training Center, il J Medical, la scuola WINS-World International School e la sede del club.

3 COMMENTI