Paolo Dal Pino
Paolo Dal Pino, presidente della Lega Serie A (foto CF - Calcioefinanza)

Il presidente della Serie A Paolo Dal Pino è intervenuto al termine dell’assemblea di Lega, durante la quale è stata presa la decisione di rinviare il voto sull’operazione fondi.

«Sul tema della distribuzione delle risorse e del term sheet (l’ultimo documento pre-contrattualendr) ho fatto un invito all’assemblea che è quello di riflettere sul futuro strategico della Serie A e quindi di ragionare assieme», ha esordito Dal Pino.

«La nostra Lega aveva deciso per la media company e per il progetto del canale di Lega ritenendo un fondo importante per la stabilità finanziaria. Oggi abbiamo discusso del term sheet dove ci sono due punti che trovano posizioni di non accordo con la controparte, quindi abbiamo deciso di rinviare a giovedì (11 febbraio ndr) la discussione e negoziare i punti aperti mettendo sul tavolo le nostre posizioni», ha aggiunto.

Il presidente della Serie A ha preferito non chiarire quali siano i punti su cui c’è ancora distanza, specificando tuttavia che «non abbiamo parlato mai di clausola Superlega». Aperta anche la questione della distribuzione delle risorse, sebbene Dal Pino abbia spiegato che si tratta di un «tema discusso in varie sedute, siamo arrivati a un’ipotesi ma preferisco non parlarne».

«Bisogna avere lucidità e freddezza. Questa è una decisione corposa – ha proseguito Dal Pino a proposito dei fondi –, che muta negli anni futuri la situazione della Lega. Trovo che sia abbastanza normale che le parti abbiano divisioni e che si debba trovare un consenso finale su certe posizioni. Nessuna frenata, semplicemente fare le cose fatte bene e solo se si vede che c’è un consenso quasi unanime, allargatissimo».

In chiusura, un punto sui prossimi passi: «Se giovedì prossimo l’assemblea decidesse di andare avanti e approvare il term sheet, a quel punto ci sarebbe l’accordo commerciale che porterebbe alla chiusura del contratto finale e ci vorranno quattro settimane per arrivare a quello».