Amazon diritti Tv Formula Uno
Monoposto Formula Uno in pista. (Photo by Mark Thompson/Getty Images)

Amazon sembra avere compreso quanto lo sport possa avere un ruolo cruciale per poter acquisire nuove quote di mercato. E così dopo avere acquisito Roland Garros e Supercoppa Europea, il colosso statunitense ha aggiunto alla sua offerta anche la Champions League (saranno 16 le partite visibili su Prime Video dal pubblico italiano).

L’intenzione della piattaforma è però quella di non fermarsi qui. Il prossimo obiettiov è infatti altrettanto prestigioso: la Formula Uno.

Al momento non c’è ancora niente di ufficiale, ma i discorsi tra le parti sono in corso, come ha confermato Chase Carey, presidente uscente della Formula 1: ““Sono un partner incredibilmente importante e costituiscono un’opportunità per ampliare il nostro business” – sono state le sue parole nel corso di un’intervista rilasciata al Financial Tomes.

Riuscre a trovare un accordo tra le parti, secondo quanto anticipato da Milano Finanza, potrebbe però non essere semplice. Anche il Circus ha infatti subito perdite economiche importanti a causa delle restrizioni legate alla pandemia e non sembra essere disposto quindi ad accontentare del tutto l’emittente.

Amazon sembra così voler tracciare una strategia diversa rispetto ad altri concorrenti, quali Netflix, Amazon Prime, Disney+, che si erano da subito concentrati su film e serie Tv. È però lo sport il genere che può fare da volano a una realtà in crescita e ambiziosa.

Qualora la sinergia dovesse essere sottoscritta, si prefigurerebbe una rivoluzione importante per la trasmissione delle gare. Pensare però esclusivamente allo streaming potrebbe essere però “un’arma a doppio taglio” (non tutti hanno familiarità con questo tipo di servizio) ed è per questo che ogni aspetto dovrà essere accontentato con cura.