L’Inter ha recentemente risolto il contratto per la sponsorizzazione di manica della divisa da gioco, stipulato con la società australiana IC Markets, che ha deciso poi di fare causa alla società di Suning. E’ quanto si evince dal documento sui risultati di Inter Media e Communication, la società nella quale confluiscono i ricavi commerciali e da diritti tv del club nerazzurro.

Il contratto, stipulato nel giugno 2020, è stato annullato «a causa del mancato rispetto da parte dello sponsor dei suoi obblighi di pagamento contrattuali». L’Inter, inoltre, fa sapere di aver «trattenuto 2,5 milioni di euro già pagati».

«Lo sponsor – si legge ancora sul documento del club nerazzurro – ha intentato una causa sulla risoluzione nei nostri confronti chiedendo il rimborso dei 2,5 milioni di euro già versati oltre agli interessi, con la prima udienza fissata di fronte al tribunale di Milano il 14 aprile 2021».

«A tale riguardo – conclude la nota – sono stati stanziati accantonamenti per 2,0 milioni di euro nel nostro bilancio annuale» chiuso al 30 giugno 2020 e relativo dunque alla stagione scorsa.