Marchetti Final Eight Champions
(Photo by Fabrice COFFRINI / AFP) (Photo by FABRICE COFFRINI/AFP via Getty Images)

Dopo le parole del presidente Aleksander Ceferin, anche il vice segretario generale della UEFA, Giorgio Marchetti, ha parlato delle possibilità di vedere riproposto il format Final Eight per Champions ed Europa League dopo il 2024.

La UEFA è attualmente vincolata al format attuale da contratti con le emittenti televisive fino al termine del ciclo in corso, ma non ha escluso un cambiamento del formato delle due competizioni per quanto riguarda il futuro.

«Una buona regola è non escludere mai qualcosa che si rivela di valore o di potenziale», ha detto Marchetti a PA News. «Sappiamo che ci sono molti elementi che devono essere presi in considerazione, come il calendario e i vincoli organizzativi, il coinvolgimento dei fan, le implicazioni economiche, ma studieremo sicuramente questo formato e le sue variazioni per le nostre prossime discussioni».

«Le gare ad eliminazione diretta favoriscono ovviamente l’incertezza e le emozioni – ha aggiunto –. Abbiamo ricevuto ottimi feedback da club, emittenti televisive e altri partner, nonché dai fan. Le circostanze hanno reso questo formato un must, ma il risultato non poteva essere migliore così come il grado di soddisfazione».

Marchetti ha ammesso che l’allestimento delle fasi finali è stato il risultato di una grande collaborazione: «La comunità calcistica ha lavorato davvero insieme: senza il lavoro congiunto e l’unità di intenti con federazioni nazionali, leghe e club non si sarebbe ottenuto nulla», ha detto.

Il vice segretario ha concluso parlando della nuova stagione: «Tutti hanno guardato le Final Eight ad agosto. Quello che quasi nessuno sa è che dall’inizio di agosto sono già state giocate quasi 500 partite UEFA», ha sottolineato.