Premier League pay per view
(Photo by Rui Vieira / POOL / AFP) / RESTRICTED TO EDITORIAL USE. No use with unauthorized audio, video, data, fixture lists, club/league logos or 'live' services. Online in-match use limited to 120 images. An additional 40 images may be used in extra time. No video emulation. Social media in-match use limited to 120 images. An additional 40 images may be used in extra time. No use in betting publications, games or single club/league/player publications. / (Photo by RUI VIEIRA/POOL/AFP via Getty Images)

Premier League pay per view – I club di Premier League non saranno autorizzati a vendere gli streaming live delle loro partite in pay-per-view (PPV) sui propri siti web. Lo riporta il Daily Mail, che racconta delle pressioni delle società sul torneo per cercare di rientrare di parte delle perdite dovute ai mancati ricavi da botteghino.

I principali partner televisivi nazionali della Premier League, Sky Sports e BT Sport, hanno visto diminuire la loro media di spettatori a partita dopo aver trasmesso tutti gli incontri e sono preoccupati per l’impatto della saturazione eccessiva del mercato sul valore dei contenuti.

Da qui la volontà delle emittenti di non selezionare tutti gli incontri (a causa dello scarso interesse del pubblico al di fuori dei big match) e l’idea delle società di trasmettere queste partite in autonomia sulle proprie piattaforme.

Tuttavia, secondo il Daily Mail, sia Sky che BT sono fermamente contrarie al fatto che ai club vengano concessi i diritti sulle partite che le emittenti non vogliono trasmettere e preferirebbero continuare con lo schema attuale se si decidesse che tutte le gare dovranno essere mandate in onda a livello nazionale.

I club si incontreranno durante la pausa dedicata alle Nazionali per finalizzare la programmazione TV per il resto di ottobre e la Premier League è pronta a schierarsi con i suoi partner per le trasmissioni.