stadio napoli polemiche
Luigi De Magistris, sindaco Napoli, e Aurelio De Laurentiis presidente del Napoli (Insidefoto)

«Io non credo che il Napoli avesse alternative nel momento in cui la Asl ha imposto, con delle prescrizioni forti e paventando anche responsabilità di natura penale, di non partire. Poi, se questa è stata una decisione autonoma dell’Asl, lo lascio al ragionamento, all’intuizione e alla sagacia di molti».

Così il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, ha commentato il mancato viaggio del Napoli verso Torino per disputare la sfida con la Juventus, in programma nella serata di ieri all’Allianz Stadium. Il sindaco ha parlato durante la trasmissione Omnibus, in onda su LA7.

«Trovo sgradevole che si assegnino partite a tavolino quando non si gioca una partita. Ormai di calcio c’è molto poco. Ad esempio, io non riesco più a vederle le partite senza tifosi», ha aggiunto il primo cittadino del Comune partenopeo.

1 COMMENTO

  1. giustificarsi con le asl è un giochino stupido perchè distoglie l’attenzione dagli illeciti commessi dall società sportiva As napoli.
    Riesaminando con molta calma il protocollo, rispetto alla effettive azioni intraprese dal Napoli si capisce l’errore e la giusta sanzione. Perchè il Napoli, cosi ligio alle regole e alle autorità, riscontrata la prima positività non si è isolato a Castel Volturno, come richiesto dal protocollo redatto? Perchè non ha voluto rispettare le indicazioni? Perchè adesso si deve appellare al nulla per cambiare un regolamento che non ha rispettato? Le lega e la figc fanno bene a tenere il pugno duro perchè non si deve permettere un alibi che poi funga da precedente