Milan impatto bilancio Paquetà
(Photo by Marco Luzzani/Getty Images)

Milan impatto bilancio Paquetà  – La missione di Ivan Gazidis al Milan non è per nulla semplice. L’ex dirigente dell’Arsenal e attuale a.d. rossonero ha il compito di rinforzare la rosa di Pioli, mantenendo i conti della società in ordine. Per farlo, il mantra deve essere quello che accomuna la maggior parte dei club in questo periodo, in cui i conti sono fortemente influenzati dalla pandemia del Covid-19: vendere prima di acquistare. 

Un input ribadito anche da un altro dirigente, ex rossonero, Leonardo, direttore sportivo del PSG: “Tutti i club oggi hanno bisogno di vendere per comprare. Ogni club può aver fatto un investimento e noi abbiamo fatto quello su Icardi”. 

Il primo grande colpo di questa estate, oltre al tanto sudato rinnovo di Zlatan Ibrahimovic, è l’arrivo in rossonero di Sandro Tonali. L’operazione per il 20enne centrocampista del Brescia è stata eccelsa da tutti i punti di vista, tecnico ed economico, poiché rappresenta il futuro e ha comportato un investimento razionale.

Maldini e Massara studiano però un altro colpo a centrocampo: l’irrigidimento con il Chelsea per Bakayoko ha fatalmente riacceso l’interesse per un altro francese, Boubakary Soumaré del Lilla. Anche per quest’ultimo si parla di un prestito con diritto di riscatto.

Ma prima bisogna cedere e, se una prima iniezione di liquidità è arrivata grazie al riscatto di Suso da parte del Siviglia per 24 milioni di euro, che ha permesso ai dirigenti rossoneri di gestire il mercato in entrata in tutta serenità, un’altra boccata d’ossigeno per le casse della società di via Aldo Rossi potrebbe arrivare grazie alla sempre più probabile uscita di Paquetà in direzione Lione. I semifinalisti della Champions League hanno avanzato un’offerta al Milan di 22 milioni di euro per il centrocampista brasiliano.

Milan impatto bilancio Paquetà – Tutte le cifre

Paquetà è arrivato a Milano a gennaio 2019 dal Flamengo per 38,4 milioni di euro e ha siglato un contratto fino al 30 giugno 2023. Con la maglia del Milan ha disputato 44 partite realizzando una sola rete in una stagione e mezza.

Il valore netto del giocatore al 30 giugno 2019 era di 33,67 milioni. Considerando una quota ammortamento di 8,417 milioni per la stagione 2019/20, il valore netto residuo al 30 giugno 2020 è di 25,5 milioni.

Prendendo in considerazione i primi mesi della nuova stagione, il valore al 30 settembre 2020 dovrebbe essere indicativamente 23,1 milioni. In caso di cessione a 22 milioni, il Milan andrebbe a registrare una minusvalenza di 1,1 milioni.

Tuttavia, l’effetto sul bilancio del club rossonero sarebbe comunque positivo per 10,4 milioni di euro. Nell’operazione va infatti considerato il risparmio sulla quota di ammortamento (8,4 milioni di euro) e sullo stipendio lordo del calciatore (3,1 milioni).