Stipendio Conte Inter
Antonio Conte, allenatore dell'Inter (Foto: Image Sport / Insidefoto)

Inter stipendio Conte – Costi per gli allenatori in aumento di quasi il 60%. È questo l’impatto sul bilancio dell’Inter per l’arrivo di Antonio Conte sulla panchina nerazzurra, secondo quanto emerge da documenti ufficiali del club nerazzurro che Calcio e Finanza ha potuto visionare.

Nel dettaglio, infatti, sono presenti anche i costi relativi ai compensi degli allenatori al 31 marzo 2020. Una cifra che sale del 58,2% rispetto allo stesso periodo della passata stagione, passando da 12,474 milioni a 19,737 milioni di euro. Un aumento quindi pari a poco più di 7 milioni di euro sui primi nove mesi dell’anno rispetto al 2018/19, quando sulla panchina nerazzurra sedeva Luciano Spalletti. Cifre che non sono riferibili totalmente ai contratti dell’allenatore principale (viene considerato staff ecc), ma di cui la maggior parte ovviamente è legata al contratto del tecnico della prima squadra.

Inter stipendio Conte, le cifre

Secondo le indiscrezioni, lo stipendio di Conte dovrebbe aggirarsi intorno agli 11/12 milioni di euro netti l’anno, poco meno del triplo rispetto all’ingaggio di Spalletti (circa 4,5 milioni netti). Tuttavia, sullo stipendio dell’ex tecnico di Juventus e Chelsea dovrebbe incidere positivamente l’applicazione delle agevolazioni fiscali previste nel Decreto Crescita per quanto riguarda i cosiddetti “impatriati”: secondo la norma, tutti gli sportivi professionisti che «non sono stati residenti in Italia nei due periodi d’imposta precedenti il predetto trasferimento e si impegnano a risiedere in Italia per almeno due anni» vedranno il proprio imponibile ridursi del 50% ai fini della tassazione sul reddito. Con un ridotto peso a bilancio quindi per l’ingaggio lordo di Conte.

La crescita nei compensi per gli allenatori dell’Inter è un trend evidente negli ultimi anni: si è passati infatti dai 12,4 milioni dell’intera stagione 2016/17 fino ai 19,7 milioni dei primi nove mesi della stagione 2019/20.

Bilancio Compensi allenatori Variazione YOY
2017 12,452
2018 13,438 8%
2019 16,756 25%
2020* 19,737 18%

*al 31 marzo

Senza considerare che l’Inter paga ancora il contratto di Luciano Spalletti, seppur a bilancio abbia già messo da parte la cifra. Al 30 giugno 2019 tra le principali posizioni iscritte nella voce “Fondo per rischi e oneri”, ci sono «Euro 25.811 migliaia relativi all’accantonamento dell’esercizio degli oneri per retribuzioni contrattualmente dovute al personale tesserato non più impiegato nel progetto tecnico per il periodo dal 1° luglio 2019 al 30 giugno 2021, data di cessazione dei singoli contratti».

«Qualora nel corso della successiva stagione tale personale assumesse nuovi incarichi presso altri club – si legge sempre sul documento –, il valore residuo del fondo non utilizzato per le retribuzioni non corrisposte verrebbe rilasciato al conto economico alla voce “Altri ricavi – Rilascio fondi rischi e oneri».

In sostanza, qualora Luciano Spalletti dovesse restare sotto contratto fino al termine della prossima stagione, il club nerazzurro dovrà sostenere spese per oltre 25,8 milioni di euro. Cifra da riproporzionare qualora il tecnico dovesse sedersi su un’altra panchina prima del 30 giugno 2021.

1 COMMENTO

  1. Ma se vuole andare via, sarà lui ( o la società che lo vuole prendere) a dover pagare l’Inter. Il contratto firmato è vincolante per entrambe le parti.
    Vedi Real Madrid quando ha voluto prendere Mourinho dall’Inter.