stipendio sanchez
Alexis Sanchez (Photo Marco Canoniero / Insidefoto)

Dopo la conquista del secondo posto l’Inter non ha tempo di fermarsi a festeggiare e subito torna in campo per preparare la sfida con il Getafe. Lo sfogo di Antonio Conte nel post match con l’Atalanta ha certamente creato un clima di tensione, ma l’ex CT cercherà di preparare al meglio la sfida di mercoledì 5 agosto contro gli spagnoli.

La squadra di proprietà di Suning arriva alla sfida, valida per gli ottavi di Europa League, da favorita dopo un finale di campionato estremante positivo, 7 gol fatti e zero incassati nelle ultime 4 partite. Uno sprint che ha permesso ai nerazzurri di agguantare il traguardo del secondo gradino del podio della Serie A, che porta nelle casse del club 27 milioni e servirà anche per le fasce della prossima Champions League. Il Getafe non gioca dal 19 luglio e ha vinto una sola volta nella Liga dopo il lockdown.

Contro gli spagnoli ci sarà di sicuro Alexis Sanchez, come riporta la Gazzetta dello Sport. L’Inter ha un accordo con il Manchester United per per il prolungamento del prestito del cileno, uomo chiave e spesso decisivo nel cammino post lockdown dei nerazzurri, sino a mercoledì sera, a differenze della Roma che invece non ha raggiunto l’accordo per il prolungamento del prestito di Smalling.

Dopo il Getafe, Sanchez tornerà dei Red Devils, anche se la dirigenza dell’ Inter spera di riuscire a tenerlo a Milano acquistandolo a titolo definitivo in modo da averlo a disposizione già per le Final 8 dell’Europa League, in caso di successo negli ottavi di finale, o comunque per l’anno prossimo in caso di eliminazione. La richiesta degli inglesi è scesa da 20 a 15 milioni di sterline, circa 17 milioni di euro, secondo quanto riporta il Sunday Express. Il club di Suning può contare sull’accordo raggiunto con l’attaccante: allungamento del contratto dal 2022 (la scadenza allo United) al 2023 e conseguente ridistribuzione su tre anni dell’ingaggio mostruoso da 15 milioni a stagione.

1 COMMENTO