amichevoli estive squadre Serie A diretta Sky
Paulo Dybala, attaccante della Juventus (Photo Federico Tardito / Insidefoto)

Anche Paulo Dybala, il 26enne attaccante della Juventus e dell’Argentina, si è unito a Common Goal, il movimento di impatto sociale nel calcio globale, sottolineando il suo impegno per la giustizia sociale. L’annuncio arriva in un momento importante per l’attaccante della Juventus, mentre celebra la conquista del suo quinto titolo di Serie A consecutivo. È il 159° calciatore o manager professionista che si unisce al collettivo impegnando un minimo dell’1% del suo stipendio annuale in un fondo collettivo, che investe in organizzazioni ad alto impatto che usano il calcio per dare forza a bambini e giovani vulnerabili in tutto il mondo.

Dybala, che ha segnato 17 gol e dato 14 assist in questa stagione con la Juventus, guiderà un ambizioso progetto basato sul calcio usando l’educazione e la leadership giovanile per aiutare a sradicare gli effetti della violenza, del razzismo e della discriminazione in tutte le sue forme. Il progetto Common Goal inizierà a identificare e formare giovani leader in comunità svantaggiate in contesti diversi come Argentina, Colombia, Germania, India, Pakistan, Israele e Ruanda, e si espanderà ulteriormente in tutto il mondo negli anni a venire.

Dybala ha dichiarato: “Vincere lo Scudetto per la quinta volta consecutivamente è un risultato straordinario per la squadra, e volevo assicurarmi che questo successo in campo fosse in armonia con la mia ambizione come persona. Non si tratta di me – in realtà è esattamente il contrario – si tratta di lavorare insieme per affrontare le sfide che affrontiamo. Sono impegnato a fare la mia parte per aiutare a sradicare la discriminazione e l’educazione è la chiave. Quale momento migliore per celebrare la piattaforma di cui facciamo parte come giocatori se non quando esultiamo per un successo in campo?”

Dybala è diventato il primo giocatore argentino maschile d’elite a far parte della squadra di Common Goal, che comprende giocatori come Megan Rapinoe, Serge Gnabry, Alex Morgan, Kasper Schmeichel, Mats Hummels, Giorgio Chiellini e manager come Jùrgen Klopp e Casey Stoney.

L’attaccante del Manchester United, Juan Mata, che è diventato il primo giocatore a unirsi al Common Goal nell’agosto 2017, ha dato il benvenuto a Dybala nella squadra: “Paulo è uno dei giocatori più talentuosi e preziosi del pianeta ed è un’incredibile aggiunta al Common Goal. Il fatto che stia usando la conquista del titolo di campionato con la Juventus per fare una dichiarazione forte su ciò che il successo significa per lui come persona è molto stimolante. Paulo capisce che il calcio ha un potere unico per trasformare il mondo e tutti abbiamo bisogno di lavorare insieme per liberare il suo pieno potenziale”.

Dybala ha dichiarato: “Common Goal è la piattaforma più semplice ed efficace che mi consente di massimizzare le mie ambizioni in termini di impatto sociale, pur potendo concentrarmi sulla mia carriera calcistica e sulle altre attività filantropiche che mi sono vicine al cuore”. Dybala ha allineato il focus del suo investimento sociale attraverso il progetto Common Goal attorno a tre degli Obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite – Educazione di qualità, Disuguaglianze ridotte e Pace e giustizia. Promuovendo la leadership giovanile in diverse organizzazioni comunitarie in tutto il mondo, Dybala e Common Goal aspirano a educare bambini e giovani a contribuire a ridurre la discriminazione in tutte le sue forme e mitigare gli effetti della violenza in contesti di conflitto.

Common Goal, che giunge al suo terzo anniversario il 4 agosto 2020, ha finora generato oltre 2 milioni di euro dal calcio per buone iniziative, oltre a ulteriori 600.000 euro attraverso il suo fondo di risposta Covid-19, lanciato ad aprile di quest’anno.