Vincenzo Spadafora, ministro dello sport (foto Imago Images)

“Questa non è una riforma contro qualcuno e non stiamo minando l’autonomia dello sport, come qualcuno dice. Su 40 presidenti di federazioni 16 stanno lì da quasi 30 anni, ben oltre i tre mandati. Se hanno fatto bene sono contento ma penso che lasciare dopo tanto tempo non sia scandaloso, un bravo dirigente deve anche preparare una successione”: il ministro dello Sport, Vincenzo Spadafora, in diretta Facebook sul contenuto del testo unico dello Sport e sulla polemica legata al limite dei mandati nelle federazioni, replica alle polemiche degli ultimi giorni. “Ci accusano che il governo stia minando l’autonomia dello sport perché mettiamo il limite di tre mandati per i presidenti delle federazioni. Questa cosa mi fa sorridere, pensando a chi guida le federazioni dai tempi della lira”.

Un’estate che sarà calda per molte dellle 45 Federazioni Sportive italiane. Il ministro Spadafora, infatti, nella bozza del Testo unico dello sport ha inserito una novità in termini di permanenza dei dirigenti: limite massimo di tre mandati (12 anni) sia per presidenti di federazioni (o discipline) che per i consiglieri federali. “Resta ferma la mia intenzione di portare il testo in Consiglio dei ministri prima della pausa estiva”, ha aggiunto oggi Spadafora.

A pochi mesi dalle elezioni federali, con il quadriennio olimpico in scadenza, un vero e proprio terremoto nelle varie federazioni. C’è chi prova a giocare d’anticipo come la Federnuoto, che ha indetto le elezioni per il 5 settembre con il presidente uscente Paolo Barelli, al quinto mandato, che intende ricandidarsi a meno che non entri in vigore prima la nuova legge.

FEDERAZIONE SPORT PRESIDENTE ANNI IN CARICA DAL MANDATO
FISR Sport Rotellistici Sabatino Aracu 67 1993
FITAV Tiro al volo Luciano Rossi 67 1993
FIM Motonautica Vincenzo Iaconianni 65 1997
FIN Nuoto Paolo Barelli 66 2000
FIT Tennis Angelo Binaghi 60 2000
FIPSAS Pesca sportiva Ugo Claudio Matteoli 73 2001
FIG Golf Franco Chimenti 81 2002
FITARCO Tiro con l’arco Mario Scarzella 74 2001
FMSI Medici Sportivi Maurizio Casasco 66 2005
FCI Ciclismo Renato Di Rocco 73 2005
FICK Canoa e Kayak Luciano Buonfiglio 70 2005
FIS Scherma Giorgio Scarso 74 2005
FIPE Pesistica Antonio Urso 59 2005
FIDASC Armi Sportive da Caccia Felice Buglione 74 2005
FICR Cronometristi Gianfranco Ravà 57 2009

Tra gli altri presidenti in bilico, c’è chi è in carica da quasi 30 anni: è il caso di Sabatino Aracu negli Sport Rotellistici (Fisr) e Luciano Rossi della Federazione Italiana Tiro a Volo, entrambi presidenti dal 1993 e addirittura al settimo mandato. A quota cinque mandati ci sono invece Vincenzo Iaconianni (Federazione Italiana Motonautica), Angelo Binagh (Federazione Italiana Tennis), Ugo Claudio Matteoli (Federazione Italiana Pesca Sportiva e Attività Subacquee), Mario Scarzella, (Federazione Italiana Tiro con l’Arco) e Franco Chimenti (Federgolf).

Quarto mandato invece per Luciano Buonfiglio (Federazione Italiana Canoa Kayak), Renato Di Rocco (Federciclismo), Antonio Urso, (Federazione Italiana Pesistica), Giorgio Scarso (Federscherma), Felice Buglione (Federazione italiana discipline armi sportive da caccia) e Maurizio Casasco (Federazione Medico Sportiva Italiana). Terzo mandato per Gianfranco Ravà della Federazione Cronometristi.

1 COMMENTO