napoli quanto guadagna de laurentiis
Aurelio De Laurentiis (Foto Daniele Buffa / Image / Insidefoto)

Nel corso della conferenza stampa di presentazione del ritiro del Napoli a Castel di Sangro, Aurelio De Laurentiis ha espresso la propria opinione contraria 12 settembre, come data fissata per l’inizio della stagione 2020/21 per quanto riguarda il campionato di Serie A.

«L’impostazione un po’ folle della Lega era quella di ripartire il 12 settembre, ma se uno deve dare riposo ai calciatori, deve preparare la stagione e nel frattempo c’è anche la pausa per le nazionali come ti alleni?», si chiede il patron dei partenopei.

«Poi è vero che non tutti ad agosto hanno l’Europa – ha aggiunto ancora De Laurentiis –, ma in Europa ci sono le squadre che fatturano anche per gli altri. Secondo me la Serie A dovrebbe ripartire verso la fine di settembre, io direi il 4 ottobre».

Il patron partenopeo rincara poi la dose quando si parla delle amichevoli di preparazione: «Tutto è molto on air, cercheremo di vedere cosa si potrà fare localmente. Poi per gli altri bisognerà vedere gli altri, perché alcuni hanno cominciato prima di noi».

«Una cazzata totale è che noi abbiamo l’ECA e la UEFA, ma hanno mai deciso di dire tutti ai nastri di partenza lo stesso giorno? Questa è l’anarchia completa e quindi noi in base a questa anarchia dovremo vedere cosa accadrà. Noi siamo molto amici del Liverpool, del Barcellona, ma vediamo cosa accade perché poi tu non sei padrone in casa degli altri perché anche gli altri hanno situazioni e obblighi contrattuali», ha concluso De Laurentiis.