quanto vale donnarumma
Gianluigi Donnarumma (Photo by Victor Decolongon/Getty Images)

Nonostante i dubbi sulla sua permanenza al Milan in qualità direttore dell’area tecnica, Paolo Maldini sta lavorando con l’a.d. Ivan Gazidis e il fondo Elliott alla linea da seguire per i rinnovi di contratto dei calciatori.

Come scrive il Corriere della Sera, il caso più spinoso è legato alla scadenza del contratto nel 2021 di Gigio Donnarumma, giovane estremo difensore rossonero la cui richiesta di non vedersi sforbiciare l’ingaggio da 6 milioni potrebbe rappresentare una complicazione sulla via del prolungamento.

«Il Milan ha il dovere di provare a tenere un giocatore importante come Gigio, per ciò che rappresenta come giocatore e come simbolo. Ha iniziato nelle giovanili del Milan e a mio avviso è il portiere più forte del mondo», ha detto Maldini.

Elogi importanti nella settimana che dovrebbe portare al confronto con Mino Raiola, procuratore del calciatore. Donnarumma non vorrebbe lasciare il club e la società, intenzionata a insistere sul progetto dei giovani, dovrà derogare dal rispetto del tetto agli ingaggi fissato a 2,5 milioni per tenerlo in rosa.

Nello specifico, il club punta a un rinnovo di due anni con uno stipendio che fra parte fissa e bonus consentirebbe a Gigio di superare i 6 milioni attuali. Entrambe le parti non vorrebbero prolungare i colloqui oltre settembre.

Discorso a parte per quanto riguarda Ibrahimovic, che – spiega ancora Maldini – «è una situazione completamente diversa, Zlatan ha il contratto in scadenza». E l’attaccante svedese, nonostante a ottobre compia 39 anni, chiede 6 milioni per restare.