Juventus plusvalenze FIGC
Miralem Pjanic (Photo by MIGUEL MEDINA/AFP via Getty Images)

Scambio Arthur Pjanic impatto bilancio Juve – La prima maggiore operazione di mercato post-emergenza va in porto. Juventus e Barcellona hanno concluso lo scambio tra Miralem Pjanic e Arthur. Affare che porterà un vantaggio a bilancio, oltre che tecnico, per entrambi i club.

Secondo le cifre ufficiali, la valutazione di Pjanic è di 60 milioni più cinque di bonus, mentre quella ufficiale di Arthur è di 72 milioni più 10 di bonus: una differenza di dodici milioni, quindi, a favore del brasiliano e del Barcellona. A livello di ingaggi, Arthur dovrebbe guadagnare circa 5 milioni a stagione, mentre in blaugrana lo stipendio di Pjanic sarà di circa 10 milioni di euro.

Scambio Arthur-Pjanic, l’impatto sul bilancio 2020

L’operazione è stata conclusa entro il 30 giugno, in modo tale da far rientrare le due cessioni nei rispettivi bilanci in chiusura a fine mese.

Pjanic, acquistato dalla Juventus nell’estate 2016 dalla Roma per 32 milioni di euro, ha un valore residuo nel bilancio bianconero pari a circa 13,1 milioni di euro, con un ammortamento annuo di circa 4,4 milioni.

La cessione a 60 milioni, permette quindi alla Juventus di realizzare una plusvalenza di circa 46,9 milioni di euro: si tratta della seconda maggiore plusvalenza della storia bianconera, dopo quella derivante dalla cessione di Paul Pogba al Manchester United (96,5 milioni, con effetti positivi per 72,5 milioni considerando gli oneri accessori legati alle commissioni di Raiola).

Complessivamente, la Juventus registrerebbe così oltre 135 milioni di euro in plusvalenze per quanto riguarda il bilancio al 30 giugno 2020.

Al netto di oneri accessori e del contributo di solidarietà, l’impatto positivo dell’operazione sui conti della Juventus è di 41,8 milioni di euro, come reso noto dal club bianconero.

Scambio Arthur-Pjanic, l’impatto sul bilancio 2021

Nell’esercizio seguente, tuttavia, la Juventus dovrebbe vedere salire leggermente i costi. Attualmente, infatti, il costo annuo di Pjanic si aggira intorno ai 15,8 milioni di euro: di questi, 4,4 milioni di ammortamento e uno stipendio netto pari a 6,5 milioni, ovverosia 11,4 milioni lordi (tenendo conto dell’irpef, delle addizionali regionali e comunali e degli oneri contributivi).

L’acquisto di Arthur a 72 milioni porterà costi per l’ammortamento pari a 14,4 milioni di euro annui: l’impatto dello stipendio da 5 milioni di euro netto potrà essere ridotto con l’applicazione del Decreto Crescita, con un peso lordo pari a circa 6,6 milioni di euro. Complessivamente, quindi, la Juventus avrà costi a bilancio legati ad Arthur a livello di conto economico per 21 milioni di euro.

PrecedenteOlympialex lancia il “Corso Agente Sportivo” CONI
SuccessivoIl Manchester City rinnova la partnership con Intel Sports

5 COMMENTI

  1. Credo che se contiamo solo la cessione di Pjanic a questa cifra il totale dei Ricavi Proventi da gestione diritti calciatori passerebbero da circa 94 a circa 141 milioni. Senza dimenticare operazioni minori come (Pereira, Mota, Mosti, Muratore, Loria) che potrebbero portare ulteriori 20 milioni di plusvalenze. Portando così il totale a 160 milioni.

  2. Con questa operazione più Muratore la Juventus, in ipotesi di uscita ai quarti, chiuderebbe il 2020 con circa 65 milioni di EBT. Questo ante effetto COVID che è difficile da valutare, perché dipende da molti fattori (TV, sponsor, rimborso eventuale abbonamenti e biglietti, riduzione temporanea degli ingaggi dei giocatori). Sono grosso modo stimabili solo le diminuzioni degli incassi da stadio, del museum e del merchandising e licensing.
    Difficilmente comunque ci sarà un impatto economico complessivo inferiore ai 25 milioni, per cui si può stimare al momento una perdita netta per il 2020 non inferiore a 90 milioni

  3. Dici? La situazione post-Covid è così ‘drammatica’ ?
    Io avevo stimato :
    Ricavi Operativi (450)
    Proventi Gest. Cal. (155)
    Ricavi Totali (605)
    Costi Operativi (410) -> tenendo costo dell’accordo 90 milioni sui salari
    EBITDA 195
    Amm. e Sval. (175)
    EBIT 20
    Prov. e On. FInanziari (12)
    EBT 8
    Imposte (12)
    Utile Netto – 4 milioni

  4. ma gli eventuali futuri premi champions dai quarti in poi sono invariati nonostante le partite siano secche? e in che bilancio verranno contabilizzati?

    • Nel bilancio 2020-2021. Credo che saranno più bassi dato appunto che la partita si svolgerà secca. Da capire UEFA come si pronuncerà a riguardo.

Comments are closed.