Bonus collaboratori sportivi di giugno
Vincenzo Spadafora, ministro dello sport (foto Imago Images)

«La proposta di Qs mi vede assolutamente d’accordo». Il ministro allo Sport, Vincenzo Spadafora, si è allineato alla proposta del quotidiano di permettere, dentro le residenze per anziani, di guardare le partite del campionato di calcio in chiaro, senza la necessità di sottoscrivere abbonamenti.

L’idea è già stata messa in pratica in Spagna, e con l’aiuto della politica potrebbe diventare realtà anche in Italia. «L’idea di offrire in chiaro la visione delle partite nelle residenze per anziani, così come avviene in Spagna, mi vede assolutamente d’accordo», dice Spadafora.

«In questi giorni – aggiunge – sono in corso interlocuzioni con i diversi broadcaster e senza dubbio porrò anche questa richiesta, che immagino possa essere accolta con favore. Andrà verificato come renderla possibile sul piano tecnico, ma credo sia un segnale positivo poter offrire alle generazioni più anziane, così duramente colpite dal Covid-19, una possibilità di svago e di sana passione sportiva».

La proposta si fa largo anche in Parlamento, e l’onorevole democratico Andrea Rossi parla di «iniziativa corretta e utile per sostenere la socialità e lo svago dei nostri anziani e che si può fare senza ledere i diritti dei grandi player del calcio come della Lega Calcio».

Dal centrodestra, Belotti (Lega) parla di «anziani che hanno pagato un prezzo altissimo al Coronavirus cui regalare le partite in chiaro sarebbe un bellissimo gesto sociale da parte della Lega Calcio come da parte dei player dei diritti tv. La soluzione tecnica si trova».

Per il senatore Ignazio La Russa (FdI), invece, «proposta sicuramente bella e suggestiva, ma temo di difficile realizzazione tecnica. Mi permetto di avanzare una soluzione fattibile e senza controindicazioni economiche: mandare in replica, in chiaro per tutti e subito dopo la conclusione delle dirette criptate, “Diretta Gol” oppure, se giocasse solo una partita, una sua ampia sintesi».