Tamponi laboratorio unico
Un operatore sanitario alle prese con un tampone per il coronavirus (Photo Samantha Zucchi Insidefoto)

La norma che obbliga l’intera squadra alla quarantena in caso della positività di un solo atleta potrebbe essere rivista. Lo ha rivelato il presidente del Coni Giovanni Malagò, intervenuto durante la trasmissione “Non è un paese per giovani” su Rai Radio Due.

“Atleta positivo va considerato come se fosse un ‘infortunato’ o serve la quarantena per tutti? Il punto è questo. Noi abbiamo recepito direttiva che individua in un percorso di coinvolgimento generale e non di creare una quarantena individuale. Ma questo è un tema che riguarda il CTS, con cui io non ho mai interloquito perché lo deve fare giustamente il governo”.

“Non so perché hanno preso questa decisione, mi dicono sia una decisione che possa anche essere rivista, ma non voglio aggiungere considerazioni. Quello che è sicuro è che sono persone serie e che probabilmente, tra una situazione più restrittiva e una più lasca, hanno voluto dare indicazione per tutela al sistema paese. Questa lotta tra alcuni medici e il CTS non ci appassiona”, ha concluso Malagò.

PrecedenteLiga, joint venture in Cina per rafforzare la presenza in Asia
SuccessivoDalla cassa integrazione alla giustizia: le norme in aiuto al calcio nel DL Rilancio