Roberto Stellon (Photo by Dino Panato/Getty Images)

Esonero per stipendio troppo alto, visto il momento di emergenza e le prospettive sulla ripresa del campionato. È quanto avvenuto in Serie B, dove l’Ascoli ha ufficializzato l’esonero del tecnico Roberto Stellone, subentrato lo scorso febbraio a Paolo Zanetti.

“Le straordinarie e non prevedibili vicende del virus COVID-19, che stanno interessando il nostro Paese, ci inducono a non prevedere la fine dello stato di emergenza e, di conseguenza, non ci consentono di prevedere la data di ripresa del Campionato di Serie B, non essendo stata ancora presa alcuna determinazione in materia dagli organi competenti”, si legge nella nota.

“Tale condizione ha spinto la Società ad adottare dei provvedimenti in ambito dei rapporti contrattuali in essere con i vari atleti e staff, al fine di salvaguardare anche la continuità aziendale rispetto alla situazione contingente che stiamo vivend”o.

“Tenuto conto che l’Ascoli Calcio ha tuttora in essere un contratto di prestazione sportiva con Mister Zanetti, nonché con il relativo staff, da qui, la necessità da parte della Società di adottare misure di contenimento dei costi in ragione delle condizioni oggettive venutesi a creare per eventi imprevedibili e circostanze eccezionali, che configurano la cd. causa di forza maggiore. A tal proposito è stata risolto unilateralmente il rapporto contrattuale con Mister Stellone e il suo staff per intervenuta eccessiva onerosità anche in relazione alla durata dei rispettivi contratti”.

“La Società ha preso atto della decisione solo dopo aver verificato l’impossibilità da parte del Mister e del suo staff di risolvere il contratto consensualmente, con un accordo transattivo, non avendo condiviso positivamente le varie proposte avanzate dalla Società, a seguito del momento contingente generale”.

“La Società Ascoli calcio 1898 FC S.p.A. comunica, inoltre, di aver affidato la guida della prima squadra al tecnico della primavera Guillermo Abascal”, conclude il club.