Douglas Costa sfida Barella e Young in Juventus-Inter(Photo by VINCENZO PINTO/AFP via Getty Images)

«Abbiamo adottato un intervento anche sullo sport, non c’è ragione per cui proseguano le manifestazioni sportive e gare, penso al campionato di calcio, dispiace ma tutti tifosi devono prenderne atto. Non consentiremo neppure che possano essere utilizzate le palestre. I provvedimenti partono da domattina» e saranno in vigore fino al 3 aprile. Lo ha detto il presidente del Consiglio Giuseppe Conte.

«I numeri ci dicono che stiamo avendo una crescita importante delle persone in terapia intensiva e purtroppo delle persone decedute. Le nostre abitudini vanno cambiate ora: dobbiamo rinunciare tutti a qualcosa per il bene dell’Italia. Lo dobbiamo fare subito e ci riusciremo solo se tutti collaboreremo e ci adatteremo a queste norme più stringenti – ha proseguito -. Abbiamo adottato una nuova decisione come governo, siamo ben consapevoli di quanto sia difficile cambiare tutte le nostre abitudini. Capisco le famiglie, i giovani, sono abitudini che ragionevolmente con il tempo alla luce delle nostre raccomandazioni potranno esser modificate, ma tempo non c’è n’è. C’è una crescita importante dei contagi e delle persone decedute».

«Ho deciso di adottare misure più forti e stringenti per contenere il più possibile l’avanzata del coronavirus. Per questo non ci sarà più una zona rossa. Ci sara “l’italia zona protetta”. In questo provvedimento aggiungiamo un divieto di assembramento all’aperto e in locali aperti al pubblico. Saranno da evitare gli spostamenti a meno che non siano motivati da comprovate ragioni di lavoro, casi di necessità, motivi di salute.La decisione giusta oggi è di restare a casa. ognuno deve fare la propria parte. da oggi varranno su tutto il territorio della penisola le misure della lombardia e delle 14 province».

SEGUI LIVE 3 PARTITE DI SERIE A TIM A GIORNATA SU DAZN. ATTIVA SUBITO IL TUO ABBONAMENTO