Roma donanzione mascherine
(Photo by Paolo Bruno/Getty Images)

Sono giorni particolari in casa Roma. La trattativa per il passaggio di proprietà del club giallorosso procede, ma l’emergenza Coronavirus ha inevitabilmente rallentato l’avanzamento dei lavori. In particolare, alcune visure delle 12 società che compongono la galassia AS Roma hanno richiesto più tempo del previsto.

In ogni caso, nulla di preoccupante, ma – come riporta “La Gazzetta dello Sport” – semplicemente un probabile slittamento della firma che porterebbe la Roma dalle mani di James Pallotta, e della sua trentina di soci che compongono il patto di sindacato, in quelle di Friedkin.

Non solo il passaggio di proprietà. Anche la questione dello stadio a Tor di Valle è influenzata dall’emergenza Coronavirus. Com’è noto, Radovan Vitek rileverà le tre società del costruttore Luca Parnasi, fra cui Eurnova, che detiene i terreni interessati dalla costruzione del nuovo impianto.

Tuttavia, questa sarà l’ultima a passare di mano. Prima toccherà a Capital Dev, che sbloccherà i fondi destinati a saldare i creditori della seconda, Parsitalia. Per questa operazione servirà il via libera di UniCredit, i cui uffici a Milano però in questi giorni sono rallentati, ancora una volta, a causa dell’epidemia.

La situazione si sbloccherà a breve, facendo da effetto domino a tutta l’operazione che porterà Vitek alla guida anche di Eurnova. Il magnate ceco aveva in programma anche un viaggio a Roma nel prossimo fine settimana, ma la questione Coronavirus gli ha fatto cambiare idea.

SEGUI LIVE 3 PARTITE DI SERIE A TIM A GIORNATA SU DAZN. ATTIVA SUBITO IL TUO ABBONAMENTO