Steven Zhang (foto ufficio stampa Inter)

Il giorno dopo il duro attacco del presidente Steven Zhang al numero 1 della Lega di serie A, Paolo Dal Pino, per la gestione dei recuperi delle gare di serie A, da ambienti dell’Inter trapela una interpretazione, secondo quanto riporta l’Ansa. “Il messaggio molto forte del presidente è un appello alla Lega Calcio per pretendere con fermezza la massima tutela della salute pubblica dell’intera comunità – tifosi che riempiranno gli stadi, calciatori, personale di servizio, media e dirigenti coinvolti – così come indicato dalle Istituzioni La riapertura così immediata al pubblico prospettata per lunedì scorso destava preoccupazione così come il cambiamento repentino delle posizioni prese dalla Lega Calcio e le successive intenzioni emerse relativamente alla organizzazione dei prossimi turni”, spiega l’Ansa citando una fonte del club nerazzurro.

«Giochi con il calendario e metti sempre la salute pubblica al secondo posto. Sei forse il più grande e oscuro pagliaccio che abbia mai visto. Sì, sto parlando a te. Al nostro presidente di Lega Paolo Dal Pino. Vergognati», aveva scritto Zhang su Instagram.

«Giochi con il calendario e metti sempre la salute pubblica al secondo posto. Sei forse il più grande e oscuro pagliaccio che abbia mai visto. 24 ore? 48 ore? 7 giorni? E cosa ancora? Qual è il prossimo step? E ora parli di sportività e campionato regolare? Cosa dici del fatto che non proteggiamo i nostri giocatori o allenatori e chiediamo loro di giocare per te 7/24 senza sosta? Sì, sto parlando a te. Al nostro presidente di Lega Paolo Dal Pino. Vergognati! È ora di alzarsi e prenderti le tue responsabilità. È così che si fa nel 2020. È un argomento per chiunque nel mondo, non importa se è un tifoso dell’Inter o della Juventus. La sicurezza è la cosa più importante in assoluto. È la cosa più importante per voi, per la vostra famiglia e per la nostra società», ha concluso Zhang.

SEGUI LIVE 3 PARTITE DI SERIE A TIM A GIORNATA SU DAZN. ATTIVA SUBITO IL TUO ABBONAMENTO

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here