(Photo credit should read LLUIS GENE/AFP/Getty Images)

La TVE, tv di stato spagnola, non parteciperà all’asta per i diritti tv della Supercoppa spagnola che si terrà in Arabia Saudita dall’8 al 12 gennaio e dove Valencia e Real Madrid si affronteranno nella prima semifinale e Barcellona e Atletico de Madrid nella seconda.

Secondo quanto riportato da Cadena Ser, la ragione per cui non la TVE non farà offerte è  “umanitaria”, in quanto la Supercoppa si svolgerà in un paese in cui i diritti umani sono violati e la libertà di espressione non è rispettata.

Una decisione che si scontra con l’idea di Luis Rubiales, presidente della Federcalcio spagnola, che è stato lieto di aver firmato un accordo per i prossimi tre anni in cambio di 120 milioni di euro (40 milioni l’anno): “La Supercoppa era destinata alla morte, nel mese di agosto non si poteva giocare. I soldi non sono per costruire uno chalet, vanno al calcio femminile, vanno a chi ne ha bisogno. Certo, il denaro è importante, chi lo può negare? I soldi sono molto importanti, ma i soldi vanno ai club di Segunda e Tercera Division”.

Nell’accordo stretto tra la RFEF, la federcalcio spagnola, e l’Arabia Saudita è previsto che ci sia il libero accesso delle donne allo stadio King Abdullah di Jeddah dove si giocheranno le partite, e con l’abbigliamento che ritengono opportuno. Qualsiasi tifosa spagnola che vedrà  la Supercoppa dallo stadio non dovrà quindi sottostare alle regole di abbigliamento presenti in Arabia Saudita.

SEGUI LIVE LA LIGA IN ESCLUSIVA SU DAZN. ATTIVA SUBITO IL TUO ABBONAMENTO

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here