Gianluca Vialli (Foto Daniele Buffa/Image Sport/Insidefoto)

«Ripartendo con Roberto mi sento in buone mani». Gianluca Vialli a novembre tornerà ufficialmente nella famiglia azzurra. Per lui è pronto il ruolo di capo delegazione, messo sul tavolo dal presidente della Figc, Gabriele Gravina.

«Lo ringrazio per avermi aspettato. Oggi sono qui in veste di ambasciatore dei volontari di Euro2020, nei prossimi giorni parleremo di come allargare il mio contributo. Non ci sono tempistiche ma spero di essere qua il prossimo raduno della nazionale, non da invitato ma con un ruolo definito», ha spiegato Vialli dal ritiro della Nazionale.

«Roberto sa dal primo giorno di questa possibilità, credo ne abbia discusso con Gravina e spero e immagino sia d’accordo. Ieri a Coverciano gli ho detto che sarei felice di potergli dare una mano», ha aggiunto Vialli prima di precisare che anche in caso di fumata bianca nella trattativa per acquistare la Sampdoria, ora saltata, non ci sarebbero stati problemi. «I ruoli sarebbero stati assolutamente compatibili per il presidente Gravina».

Il via libera di Vialli al ritorno in azzurro era piuttosto legato alle sue condizioni di salute: «Da marzo sto facendo altre cure, dovevo essere in condizioni fisiche e mentali per prendere questo impegno. Sto bene, bisogna avere pazienza, è dura più di quanto uno possa sperare. Ma i risultati sono positivi e non ha senso che io non continui a fare una vita normale: lavorare fa parte di questo, tutto va nel migliore dei modi. Oggi ci sono le condizioni giuste per cominciare».

SEGUI LIVE 3 PARTITE DI SERIE A TIM A GIORNATA SU DAZN. ATTIVA SUBITO IL TUO ABBONAMENTO

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here