Son Heung-Min, attaccante del Tottenham (Photo credit should read GLYN KIRK/AFP/Getty Images)

Troppe partite e un calendario eccessivamente congestionato: la FIFPRO, il sindacato mondiale dei calciatori, lancia l’allarme sul numero di gare disputate.

“Alcuni calciatori professionisti giocano in quasi 80 partite e percorrono più di 100.000 chilometri ogni anno per rappresentare la loro squadra nazionale mentre il calendario delle partite diventa sempre più congestionato ai vertici del gioco, secondo nuove ricerche condotte da FIFPRO”, si legge in una nota.

“Con le autorità calcistiche che cercano di dare la massima visibilità ai propri campionati o tornei, i migliori giocatori si trovano ad affrontare periodi di riposo sempre più brevi, con alcuni che ottengono una pausa fuori stagione di meno di due settimane, secondo la ricerca”.

“Il rapporto ‘At the Limit: carico di lavoro dei giocatori nel calcio maschile professionistico Elite‘ raccoglie statistiche sul programma delle partite, i tempi di viaggio e di recupero di un campione di 16 giocatori – provenienti da Europa, Asia, Americhe e Africa – che giocano in più competizioni sia per la loro squadra e squadra nazionale”.

I dati dei giocatori raccolti negli ultimi 12 mesi mostrano, ad esempio:

– Heung-Min Son (Tottenham Hotspur e Corea del Sud) ha giocato 78 partite e ha percorso oltre 110,00 chilometri per rappresentare la sua squadra nazionale;
– Lasse Schӧne (Ajax e Danimarca) ha trascorso meno di due settimane di ferie tra la Coppa del Mondo 2018 e l’inizio dell’allenamento pre-stagione con il suo club;
– Alisson Becker (Liverpool e Brasile) ha giocato 72 partite e ha percorso 80.000 chilometri per rappresentare la sua squadra nazionale, senza il beneficio di una pausa di mezza stagione;
– Ivan Rakitic (Barcellona e Croazia) ha giocato quasi i tre quarti delle sue 68 partite senza cinque giorni di riposo tra una e l’altra;
– Sadio Mané (Liverpool e Senegal) ha giocato 70 partite e ha percorso 100.000 chilometri per rappresentare la sua squadra nazionale, senza il beneficio di una pausa di mezza stagione.

“Il rapporto At the Limit fornisce raccomandazioni per proteggere la salute a lungo termine dei giocatori d’élite e salvaguardare l’eccellenza sportiva ai vertici del gioco. Queste raccomandazioni includono:

  • Introduzione di interruzioni di mezza stagione obbligatorie di 4 settimane e interruzioni di mezza stagione obbligatorie di 2 settimane
  • Limitare il numero di volte per stagione quando i giocatori hanno partite competitive back-to-back con meno di cinque giorni di recupero;
  • Considerare se imporre limiti di partita annuali per ogni singolo giocatore per proteggere la sua salute e le sue prestazioni;
  • Sviluppare un sistema di allerta precoce per monitorare il carico delle partite dei giocatori e fornire assistenza nella pianificazione futura”.

 

Theo van Seggelen, segretario generale della FIFPRO, ha dichiarato: “Mentre siamo consapevoli da diversi anni della crescente pressione sui migliori giocatori, questo rapporto sottolinea chiaramente l’entità di questa pressione nel gioco di oggi”.

“Per soddisfare le esigenze del calendario delle partite, ai giocatori viene ripetutamente chiesto di giocare al loro limite, senza sufficiente riposo e recupero. Ciò significa che non possono esibirsi al meglio e, peggio ancora, che alcuni stanno lottando con periodi prolungati di tensione mentale e fisica”.

“La ricerca scientifica conferma che la salute dei migliori giocatori è a rischio a causa del programma di partite congestionato di oggi. Ci aspettiamo che tutte le parti interessate del calcio inizino a lavorare insieme per mettere in atto misure di sicurezza che riducano la pressione su quei giocatori che rappresentano l’apice del calcio al fine di proteggere la loro salute, le loro carriere e il gioco stesso”.

SEGUI LIVE 3 PARTITE DI SERIE A TIM A GIORNATA SU DAZN. CLICCA QUI PER ATTIVARE SUBITO IL TUO MESE GRATIS

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here