La Juventus festeggia la vittoria dello scudetto 2018/19 (photo One Nine / Insidefoto)

«Il nostro obiettivo è solo essere partner a livello tecnico della Lega Serie A nella gestione del canale di Lega». Così fonti di Mediapro spiegano all’ANSA la posizione del gruppo nella trattativa con la Lega Serie A per i diritti tv del campionato italiano: la volontà è quella di diventare partner come indicato nell’articolo 13 della Legge Melandri.

Secondo il colosso televisivo spagnolo-cinese, la gestione dell’eventuale canale sarebbe interamente nelle mani della Lega, così come i ricavi con un flusso in sostanza diretto nelle casse della Serie A, spiegano fonti di Mediapro. Allo stesso modo, anche gli abbonamenti passerebbero direttamente alla Lega, senza essere più gestiti dalle pay-tv come avviene oggi e come è avvenuto negli ultimi anni.

L’offerta di Mediapro alla Lega è di 1,15 miliardi di euro a stagione, ai quali si aggiungono 55 milioni per i diritti d’autore e 78 milioni per i costi di produzione, per un totale di circa 1,3 miliardi l’anno.

Offerta che economicamente soddisfa i club della Serie A e sarà la base delle nuove trattative, ma ci sono ancora dettagli da definire, tipo le eventuali penali in caso di non accettazione della proposta degli spagnoli dopo il bando. È stata quindi mantenuta aperta l’ultima assemblea e prorogata la scadenza dell’offerta (fissata al 10 luglio), con le nuove trattative che dovrebbero durare una decina di giorni prima che l’assemblea si riunisca nuovamente per decidere. Intanto, ci sarà un tavolo permanente nelle prossime ore per limare e perfezionare la proposta.

SEGUI LE AMICHEVOLI ESTIVE SU DAZN: CLICCA QUI PER ATTIVARE IL SERVIZIO GRATIS PER UN MESE

1 COMMENTO

  1. io non sto capendo nulla credetemi questi che vogliono fare un canale visibile a tutte le piattaforme oppure creare un altra piattaforma se x favore mi fate capire meglio grazie

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here