Quanti debiti ha l'Inter
Tifosi dell'Inter a San Siro (Foto Andrea Staccioli / Insidefoto)

«Dopo mesi di lavoro e ascolto, stamattina la Commissione cultura della Camera ha dato il via libera a un emendamento contenuto nel Ddl collegato sport che introduce forme di partecipazione popolare e azionariato diffuso nelle società di calcio».

A parlare è il sottosegretario alla presidenza del Consiglio dei ministri, Simone Valente, a margine della Commissione cultura della giornata di ieri alla Camera. «L’emendamento – ha aggiunto Valente – vuole dare il via a un percorso culturale diverso nel calcio professionistico, che favorisca la coesione sociale e la partecipazione dal basso dei tifosi nella vita dei club, avendo ben presente la realtà italiana».

«Così si metteranno al centro le comunità di tifosi – ha concluso –, responsabilizzandole e facendole diventare parte integrante di un processo già sperimentato altrove in Europa anche sul fronte della legalità. Con la delega a questa proposta, cui il Governo darà attuazione, abbiamo posto un primo e importante tassello per sviluppare anche in Italia questo modello positivo».

Attualmente, in Europa, il modello è abbastanza diffuso soprattutto nel calcio. Diversi sono i club in cui piccoli singoli azionisti, in genere tifosi, posseggono il 100% della proprietà o una quota di questa. Tra gli esempi il Barcellona. In Germania, invece, il modello dell’azionariato attuale prevede che i tifosi detengano la quota di maggioranza all’interno di ogni singolo club: la cosiddetta regola del 50%+1.

SEGUI LA COPA AMERICA 2019 SU DAZN: CLICCA QUI PER ATTIVARE IL SERVIZIO GRATIS PER UN MESE

1 COMMENTO

  1. Già sono presenti nel nostro ordinamento strumenti giuridici civilistici che consentono l’azionariato diffuso. L’intervento del Governo dai connotati paternalistici oltre che non richiesto produrrà naturalmente pasticci, incertezze normative e confusione.

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here