multa Manchester City FIFA
Manchester City, Etihad Stadium (Photo by Matthew Lewis/Getty Images)

Ora è ufficiale: il Manchester City ha depositato un ricorso al Tas contro l’Uefa per l’indagine sulla possibile violazione da parte degli inglesi del regolamento sul Fair Play Finanziario.

“Il Tribunale Arbitrale dello Sport (TAS) ha registrato un ricorso presentato dal Manchester City Football Club (MCFC) contro l’Unione delle associazioni calcistiche europee (UEFA)”, si legge in una nota dello stesso Tas. “L’appello è presentato contro le decisioni prese dalla Camera di Investigazione (IC) dell’Organo di Controllo Finanziario dei Club UEFA (CFCB) in merito alla presunta non conformità del Manchester City con i Regolamenti UEFA sulle Licenze di Club e il Fair Play Finanziario”.

“Verrà avviata una procedura di arbitrato che comporterà uno scambio di comunicazioni scritte tra le parti, mentre un gruppo di arbitri TAS sarà convocato per ascoltare il ricorso. Una volta formalmente costituito il gruppo, verrà emesso un calendario procedurale”.

Nessuna tempistica tuttavia ufficializzata dal Tas: “Non è possibile dire in questo momento quando verrà emesso il Lodo Arbitrale per questo argomento. Il TAS non fornirà ulteriori informazioni in merito a questa procedura, ad eccezione dell’emissione di un comunicato stampa che annuncerà la decisione”, conclude il Tribuna nel comunicato.

SEGUI LA COPA AMERICA E I PLAYOUT DI SERIE B SU DAZN: CLICCA QUI PER ATTIVARE IL SERVIZIO GRATIS PER UN MESE

1 COMMENTO

  1. Perché accettare il ricorso se ci sono delle regole da rispettare. il TAS dovrebbe rigettare subito il ricorso. Altrimenti togliamo il FPF visto che vengono puniti solo alcuni (vedi Inter e Roma) lo stesso Milan fa quello che gli pare.

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here