L'arbitro Gianluca Rocchi al Var durante Napoli-Juventus (Foto Andrea Staccioli / Insidefoto)

Calano gli errori del Var, ma tornano a salire le proteste dei calciatori. È questo il trend che viene descritto nei dati presentati dall’Aia per quanto riguarda l’utilizzo del Var nelle prime 30 giornate di campionato e in Coppa Italia.

Nelle 313 partite disputate (299 di Serie A, 14 di coppa Italia) sono stati complessivamente 1.984 gli episodi sottoposti a check, una media di 6,3 a partita, in aumento rispetto ai 5,1 dell’anno scorso.

 

Allo stesso tempo sono aumentati anche gli interventi del Var, saliti a 121 ovverosia uno ogni 2,58 gare (l’anno scorso ogni 3,15), con gli arbitri che per 92 volte sono andati a consultare il video a bordo campo per casi controversi (60 correzioni e 32 decisioni confermate) e in altri 29 circostanze è intervenuto il Var sovrapponendosi al direttore di gara. Complessivamente sono 89 le correzioni: 43 riguardano i gol, 38 i rigori, e otto le espulsioni.

statistiche var serie a 2018 2019

A calare è la percentuale degli errori: secondo l’Aia sono stati 18, con una percentuale scesa dall’1,02% dello stesso punto della stagione scorsa allo 0,91% attuale. Numeri che, legati alla totalità della passata stagione, sono tuttavia già in linea: nel 2017/18 furono infatti 18 gli errori complessivi con una percentuale dello 0,89%.

statistiche var serie a 2018 2019

Per quanto riguarda le categorie di errore, otto sono casi di rigore, cinque falli di mano, due espulsioni, una situazione fuori dal protocollo e un fuorigioco.

“C’è una tensione di base abbastanza palpabile”, ha voluto sottolineare il designatore, Nicola Rizzoli, indicando come siano in crescita le ammonizioni totali: 1.388, ben 224 in più rispetto all’anno scorso (+19.2%). E sono aumentati anche quelle per proteste, 100 contro 83, con un ritorno ai livelli pre-Var (106 nel 2016/17).

statistiche var serie a 2018 2019

In aumento anche i gialli per comportamento antisportivo (+42%), mentre calano quelli per simulazione, due in meno rispetto all’anno scorso, 13 in meno rispetto a due stagioni fa. Infine, si riducono le espulsioni (da 68 a 61) ma aumentano i cartellini rossi diretti per proteste, da uno a nove, quanti erano prima dell’avvento del Var.

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here