Tifosi del Chelsea a Stamford Bridge (foto PHC/Insidefoto)

Giornata decisiva per il Chelsea il prossimo 11 aprile. In quella data infatti il club inglese sarà ascoltato dalla Fifa nell’appello contro il blocco del mercato nelle prossime due sessioni per violazioni nel trasferimento e nella registrazione di giocatori di età inferiore ai 18 anni.

Nel dettaglio, secondo quanto riportato dall’Associated Press, la Fifa ha reso noto che il Chelsea ha ricevuto le motivazioni della squalifica di un anno e anche le motivazioni riguardanti il no della Fifa stessa alla richiesta di sospensiva della sanzione, effettuata dal club londinese, in attesa del giudizio definitivo.

Il Chelsea può eventualmente fare un ulteriore ricorso al Tribunale Arbitrale Sportivo di Losanna per bloccare la sanzione in attesa dell’appello alla Fifa. Attualmente, tuttavia, il Tas ha reso noto che il Chelsea non ha fatto alcuna richiesta per questa misura provvisoria.


La Fifa ha sanzionato il Chelsea lo scorso febbraio con il divieto di registrare nuovi giocatori per due periodi di trasferimento consecutivi (la prossima estate e nel gennaio 2020) per aver violato le regole riguardanti i trasferimenti dei giovani calciatori.

"Il Chelsea ha violato l’art. 19 del Regolamento nel caso di ventinove (29) giocatori minori e ha inoltre commesso diverse altre infrazioni relative ai requisiti di registrazione per i giocatori. Il club ha anche violato l’art. 18bis del Regolamento in relazione a due accordi conclusi in materia di minori e che gli hanno permesso di influenzare altri club in materia di trasferimenti", aveva spiegato la Fifa. Inoltre, il Chelsea era stato sanzionato anche con una multa da 600mila franchi svizzeri.

SEGUI LE PARTITE DEL CALCIO ESTERO SU DAZN: CLICCA QUI PER ATTIVARE IL SERVIZIO GRATIS PER UN MESE

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here